mercoledì 22 febbraio | 14:53
pubblicato il 28/ago/2015 17:19

Mirabelli: ddl Cirinnà a rischio incostituzionalità

"Va riscritto, così lacera il Paese"

Mirabelli: ddl Cirinnà a rischio incostituzionalità

Roma, 28 ago. (askanews) - "La Corte Costituzionale ha fissato due pilastri. Uno: riconoscere giuridicamente le unioni civili e immaginare forme di garanzia che non vanno rinviate. Due: evitare la omologazione al matrimonio. E invece la legge pare fatta con la carta carbone sul matrimonio, un "copia e incolla"". Cesare Mirabelli, già presidente della Consulta, ragiona sul disegno di legge Cirinnà e in un'intervista ad Avvenire, avverte: "Ci sono troppe ambiguità. Ora occorre uno sforzo di riscrittura per costruire una legge originale che sia conforme alla nostra Costituzione e che risponda ai due pilastri fissati dalla Corte. Perché andare avanti senza correggere mette la legge davanti a un serio rischio di costituzionalità. Ma dietro quella possibile scelta si agita un pericolo ben peggiore: se il ddl non cambia introduce una profonda lacerazione in un'Italia che oggi ha un disperato bisogno di coesione".

Mirabelli indica al Parlamento due possibili strade: "Riscrivere la legge potrebbe essere una strada. Penso a una riscrittura più ariosa, direi originale. La seconda via è intervenire emendando. Ma in maniera molto chiara su numerosi nodi essenziali". Poi affronta il nodo adozioni e avverte: "Affrontare la questione nella legge Cirinnà potrebbe essere inappropriato e allora si potrebbe stralciare scegliendo di discuterne nella disciplina specifica dell'adozione e della tutela dei minori".

L'ultimo messaggio è sull'idea di un referendum di indirizzo sui temi etici. Mirabelli apre: "È giusto arricchire gli strumenti della democrazia, facciamo tanto affidamento sui sondaggi... Cerchiamo di avere anche un popolo adulto, che possa dire la sua sulle grandi questioni che riguardano direttamente l'idea di società. Siamo in sede di riforma costituzionale e il referendum di indirizzo, altamente democratico, potrebbe essere inserito nella Costituzione: arricchirebbe gli strumenti di democrazia diretta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%