sabato 25 febbraio | 03:33
pubblicato il 14/gen/2014 19:26

Minori: monito Garanti a mass media, vanno rispettati sempre e comunque

(ASCA) - Roma, 14 gen 2014 - ''I principi e le linee guida di comportamento sono gia' sanciti. Si tratta di rispettarli, sempre e comunque, senza cedere al miraggio dell'audience o delle vendite''. Questo il richiamo per i mass media uscito dalla Conferenza dei Garanti dell'infanzia e dell'adolescenza, nella quale si sono dibattuti i temi piu' caldi del mondo degli under 18, presente Vincenzo Spadafora, Garante nazionale ed i 12 Garanti dell'infanzia delle Regioni e delle Province Autonome.

''Continuiamo a registrare da parte di molte testate web, trasmissioni televisive e giornali, una pericolosa disinvoltura, sconfinante nella scorrettezza, nel trattare la materia delicata dei minorenni - hanno sottolineato i Garanti - . Ricordiamo quanto avvenuto al bambino di Cittadella, o alle ragazze dei Parioli a Roma, ma anche negli ultimi giorni con il recente caso di Rapallo si sono associate le immagini di fatti di cronaca precedenti con una leggerezza e superficialita' che non ci si puo' permettere quando si ha a che fare con bambini e adolescenti''.

''Per questo la Conferenza nazionale di garanzia dell'infanzia e dell'adolescenza vuole richiamare coloro che operano nel mondo della comunicazione al pieno rispetto dei principi sanciti dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia, ribadita da diversi codici deontologici che il mondo dell'informazione si e' dato, come la Carta di Treviso e il Codice di autoregolamentazione tv e minori.

Basta dunque con l'esibizione di dettagli, con la violazione di qualsiasi forma di privacy, con la ricerca del sensazionalismo a tutti i costi. Basta con la pubblicazione di nomi e foto dei minorenni, basta con la corsa allo scoop, spesso inesistente''.

Il Garante per l'infanzia e l'adolescenza, in accordo con i Garanti regionali e delle Province Autonome, auspica dunque ''un rinnovato e concreto impegno da parte degli organismi di categoria, dei direttori di testata e dei singoli giornalisti''. E chiede che i casi di ''figli contesi'' ''diventino notizia solo se argomento di riflessione politica e di responsabilita' etica collettiva per la piu' volte auspicata riforma della giustizia minorile''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech