lunedì 05 dicembre | 15:29
pubblicato il 14/nov/2013 20:31

Minori: Garante Privacy, stop sciacallaggio media su baby-prostitute

(ASCA) - Roma, 14 nov - ''Non so dire se mi fa piu' orrore lo spettacolo voyeuristico messo in piedi da molti giornali e trasmissioni o piuttosto constatare che ci si interessa ai ragazzi solo di fronte a casi di cronaca violenti. In questa vicenda, l'eccessiva attenzione rivolta dai media alle adolescenti coinvolte ha relegato gli adulti ad un ruolo secondario mentre occorre agire sulla 'domanda', come da tempo raccomanda all'Italia anche il Comitato ONU sui diritti dell'infanzia''. E' quanto afferma il Garante per l'Infanzia e l'adolescenza Vincenzo Spadafora dagli studi della ''Vita in diretta'', sconcertato rispetto al modo in cui molti giornali e trasmissioni televisive stanno affrontando il caso delle ragazze minorenni coinvolte in episodi di prostituzione.

''Gli adulti che inducono le minorenni alla prostituzione vivono tra noi, sono i nostri colleghi, i nostri amici, i nostri fratelli, i nostri padri. E' inaccettabile la tolleranza che la nostra societa' sembra mostrare contro questi reati. L'attenzione si sposta sulle vittime, oltretutto non sempre riconosciute come tali, mentre gli adulti autori del reato escono cosi' di scena. Mi auguro che al piu' presto sfruttatori e clienti paghino davanti alla legge il danno gravissimo fatto alle ragazzine. Che cioe' siano gli adulti il centro dell'interesse, prima di tutto giudiziario e casomai mediatico''.

Spadafora riflette su come siano state gettate nel tritacarne mediatico le vite di queste ragazze: ''Il mondo dei media non si e' fatto scrupolo alcuno di riportare dialoghi, di indugiare sui dettagli degli incontri; di raccontare la giornata-tipo di ogni ragazza. Pagine e pagine di giornali, ore di trasmissioni per fomentare la curiosita' morbosa di un pubblico che sembra non rendersi conto di avere un potere tra le mani: possiamo cambiare canale, non comprare piu' i giornali che non rispettano, prima di tutto e soprattutto, la dignita' delle persone di minore eta' coinvolte in fatti di cronaca. Tutti possiamo avere un ruolo per frenare questo squallore mediatico, a cominciare dal mondo dell'informazione. Ecco perche' rivolgo un appello ai direttori delle principali reti televisive perche' sanzionino le trasmissioni che trattano in modo scorretto questi temi cosi' delicati, richiamando l'attenzione degli autori e dei conduttori televisivi al rispetto della dignita' di queste ragazze come di tutti i minorenni coinvolti in modo diretto e indiretto in episodi di questo genere''.

Spadafora ha citato la ''Vita in diretta'' come ''esempio di buona televisione'' per il modo in cui la trasmissione ha affrontato la questione.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari