lunedì 05 dicembre | 15:54
pubblicato il 09/ago/2016 18:49

Minoranza Pd: sguaiato schierare Festa Unità per sì a referendum

Stumpo: "Forzatura". Gotor: 'Miopia'. Fornaro: 'Militarizzazione'

Minoranza Pd: sguaiato schierare Festa Unità per sì a referendum

Roma, 9 ago. (askanews) - Un "errore", una "forzatura sguaiata", una "militarizzazione" che rischia di trasformarsi in un boomerang. La minoranza Pd attacca sulla Festa dell'Unità, il manifesto pubblicato su Twitter dal tesoriere del partito Francesco Bonifazi scatena una nuova ondata di critiche dei bersaniani, che da tempo chiedono "piena cittadinanza" anche per le ragioni del no.

Proprio non è piaciuto quello slogan "L'Italia che dice Sì", affiancato da una grande X verde e rossa che richiama quella che si disegna su una scheda elettorale. "Dal 28 agosto all'11 settembre - scrive Bonifazi su Twitter - vi aspettiamo a Catania per la Festa nazionale e L'Unità con l'Italia che dice sì".

Una "forzatura" per Nico Stumpo: "È innegabile che la posizione del Pd sia per il sì, ma è altrettanto innegabile che c'è tanta parte del Pd che non ha esattamente questa posizione. Forzare sulle feste è un po' come escludere un pezzo della nostra storia. Si può fare politica senza essere sguaiati".

Per Miguel Gotor, poi, è una scelta "miope, un errore politico grave". Non si può "trasformare il brand della Festa dell'Unità in una scheda elettorale con la croce sopra". Soprattutto, "continua a essere un errore non volere dare cittadinanza anche alle ragioni del No dentro il Pd e nelle feste dell'Unità: si schiaffeggiano centinaia di migliaia di nostri elettori che vorrebbero seguitare a votarci alle politiche anche dopo avere scelto il 'no' al referendum e invece si sentono messi alla porta. Forse si pensa di sostituirli con le masse di elettori di Verdini e di Alfano. Ma la sconfitta delle amministrative non ha insegnato nulla?".

Drastico anche il giudizio di Federico Fornaro: "Gli ultimi i sondaggi dicono che un terzo elettori del centrosinistra è orientato a votare no. Mi pare si continui a negare l'evidenza. Attenzione però che a decidere saranno gli indecisi e se si continua sulla linea del referendum sul governo il risultato rischia di essere già scritto. Nessuno nega che gli organismi di partito si siano espressi chiaramente per il sì, da qui a militarizzare la propaganda, a farlo diventare una sorta di battaglia finale, ce ne corre".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari