mercoledì 18 gennaio | 12:54
pubblicato il 14/apr/2015 18:00

Minoranza Pd contro Italicum, ma Renzi: "Non si ricomincia"

Domani sera la sinistra dem al gruppo voterà no

Minoranza Pd contro Italicum, ma Renzi: "Non si ricomincia"

Roma, 14 apr. (askanews) - Non si ricomincia, "non siamo al Monopoli". Matteo Renzi chiude per l'ennesima volta la porta ad ogni ipotesi di rimettere mano alla riforma elettorale, nonostante la minaccia della minoranza Pd di votare no alla riunione dei deputati del partito che si svolgerà domani sera. "L'iter delle riforme costituzionali e dell'Italicum - ha spiegato Renzi parlando a Milano - non è il Monopoli, non si può ricominciare e tornare a Vicolo corto. Ora si decide dopo mesi di dibattiti e discussioni". Solo un paio d'ore prima era arrivato l'ennesimo avvertimento della minoranza Pd, in particolare della componente di Area riformista guidata da Roberto Speranza e che comprende anche Pier Luigi Besani: "senza aperture" domani sera, alla riunione del gruppo Pd della Camera, si voterà no.

Renzi, però, di aperture ritiene di averne fatte già molte, da quando la riforma ha iniziato il suo cammino in Parlamento nel febbraio 2014, e ora vuole chiudere la partita. Si vedrà se addirittura usando la fiducia o, più probabilmente, mettendo una sorta di 'fiducia politica' sulla riforma, ovvero facendo capire che in caso di stop all'Italicum la legislatura sarebbe compromessa.

La decisione del premier è dovuta anche alle divisioni interne alla minoranza, che seppure domani sera - ad una riunione esclusivamente interna al partito - voterà compatta no, si dividerà probabilmente quando si farà sul serio, ovvero in commissione e in aula. Sono in molti a pensare che, comunque, non si possa arrivare a mettere in discussione la tenuta del governo e persino uno dei 'duri' della minoranza pronostica che alla fine, in aula, saranno non pià di "una quindicina" i voti Pd che mancheranno a Renzi.

La vera incognita sono i voti segreti sugli emendamenti che in aula parte della minoranza presenterà comunque: in particolare, sarà delicato il passaggio sull'emendamento che chiede di consentire l'apparentamento tra il primo e il secondo turno, un tema che potrebbe allettare anche alcuni partiti della maggioranza.

Renzi interverrà domani sera al gruppo Pd e, con tutta probabilità, porrà appunto una sorta di 'fiducia politica' sulla riforma. Dopo di lui interverrà anche Bersani. Uno dei dissidenti ancora spera: "Se votiamo no in cento, al gruppo, come farà Renzi a non tenerne conto?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Pd
Renzi a Napoli e Scampia: lontano da flash, vicino a difficoltà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa