martedì 21 febbraio | 17:49
pubblicato il 13/mag/2015 16:00

Ministro Giannini: il blocco degli scrutini è inaccettabile

Inaccettabile anche strumentalizzare le prove Invalsi

Ministro Giannini: il blocco degli scrutini è inaccettabile

Roma, (askanews) - Per il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini il blocco degli scrutini ventilato dai sindacati "è inaccettabile". Giannini al termine dell'incontro con gli studenti a Palazzo Chigi sul ddl di riforma della scuola è tornata sugli esiti dell'incontrocon i sindacati, è ha sottolineato: "E' inaccettabile il blocco degli scrutini, la protesta se si fa, si faccia con altri strumenti, non con quelli che condizionano un momento cruciale del percorso scolastico, per la scuola e per gli studenti".

Per quanto riguarda il blocco delle prove Invalsi, il ministro ha osservato "ho trovato inaccettabile che si strumentalizzasse uno strumento di valutazione che certamente non è l'unico né esclusivo, e certamente non perfetto, ma che costituisce la possibilità di avere una radiografia dei livelli di competenza della scuola. E' una speculazione sul futuro dei ragazzi".

Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia