mercoledì 18 gennaio | 13:48
pubblicato il 28/lug/2011 13:08

Ministeri/Napolitano:Spostarli non legittimato da Costituzione

Se poi fossero mere rappresentanze vav registrata da Corte Conti

Ministeri/Napolitano:Spostarli non legittimato da Costituzione

Roma, 28 lug. (askanews) - Il decentramento di sedi governative "non èlegittimato né dalla Costituzione che individua in Roma la capitale della Repubblica, né dalle leggi ordinarie". Lo scrive il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nella lettera inviata due giorni fa al Premier Silvio Berlusconi e pubbloicata oggi sul sito del Quirinale al termine del Consiglio dei Ministri, dopo che Umberto Bossi ha risposto ai rilievi di Napolitano che "il decentramento è una opportunità" e "i ministeri li abbiamo fatti e li restano". "Tutt'altra fattispecie - sottolinea la lettera di Napolitano- prevista dalla stessa Costituzione e da numerose leggi attuative, è quella della esistenza, storicamente consolidata, di uffici periferici (come ad esempio i Provveditorati agli studi e le Sovraintendenze ai beni culturali e ambientali), che non può quindi confondersi in alcun modo con lo spostamento di sede dei Ministeri; spostamento non legittimato né dalla Costituzione che individua in Roma la capitale della Repubblica, né dalle leggi ordinarie". E a tal proposito, Napolitano cita "ad esempio l'articolo 17, comma 4-bis, della legge n. 400 del 1988, che consente di intervenire con regolamento ministeriale solo sull'individuazione degli uffici centrali e periferici e non sullo spostamento di sede dei Ministeri. Inoltre, il rapporto tra tali uffici periferici e gli enti locali va assicurato sull'intero territorio nazionale nell'ambito dei già delineati uffici territoriali di Governo". Una diversa "allocazione di sedi o strutture operative, e non già di semplice rappresentanza, a giudizio di Napolitano, dovrebbe più correttamente trovare collocazione normativa in un atto avente tale rango, da sottoporre alla registrazione della Corte dei Conti", e in ogni caso anche l'apertura di sedi di mera rappresentanza andrebbe valutata anche in una "logica di costi benefici" e ispirata "al più rigido contenimento delle spese e alla massima efficienza funzionale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Pd
Renzi a Napoli e Scampia: lontano da flash, vicino a difficoltà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa