venerdì 20 gennaio | 17:35
pubblicato il 27/lug/2011 05:10

Ministeri/ Napolitano boccia decentramento, il Pdl romano esulta

Tace la Lega: Niente polemiche con il Capo dello Stato

Ministeri/ Napolitano boccia decentramento, il Pdl romano esulta

Roma, 27 lug. (askanews) - La Lega non fa in tempo a chiudere i festeggiamenti per l'inaugurazione, sabato scorso, delle sedi 'padane' dei ministeri, che arriva la doccia gelata dal Capo dello Stato: Giorgio Napolitano fa sapere di aver inviato una lettera al presidente del Consiglio in cui si esprimono "rilievi e motivi di preoccupazione sul tema, oggetto di ampio dibattito, del decentramento delle sedi dei ministeri sul territorio". Una nota stringatissima, foriera però di ulteriori problemi all'interno della maggioranza. I big del Pdl tacciono, così come quelli della Lega, che fanno sapere di non voler aprire polemiche con il Capo dello Stato, pur riconfermando - spiegano fonti leghiste - la convinzione nella fondatezza dell'iniziativa. Ma a prendere la parola ci pensano gli esponenti romani del Popolo della Libertà: esulta il sindaco della Capitale Gianni Alemanno, esulta la governatrice del Lazio Renata Polverini, che trovano in Napolitano una sponda alle rimostranze che da tempo avanzavano contro l'iniziativa leghista. Alemanno si augura che "il presidente Berlusconi tragga da questa lettera del Capo dello Stato la spinta politica per confermare in maniera chiara e definitiva il pieno sostegno del Governo di centrodestra a Roma Capitale" e "chiudere definitivamente" la questione. Polverini si augura invece che "anche la Lega ne prenda finalmente atto". Ancora più duri i commenti delle opposizioni. Per Anna Finocchiaro, capogruppo Pd in Senato, il Capo dello Stato ferma "la tragicomica buffonata" del decentramento dei ministeri, mentre per l'Idv l'intervento del Colle fa giustizia di un'iniziativa "in aperta violazione della legalità costituzionale". Amaro il commento del finiano Italo Bocchino:" E' assurdo che debba essere il Capo dello Stato a dover ricordare e spiegare al Presidente del Consiglio, Berlusconi, i principi istituzionali fondamentali dello Stato italiano".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Salvini: dimissioni Curcio? Qualcosa non ha funzionato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire