mercoledì 18 gennaio | 09:49
pubblicato il 19/giu/2011 09:28

Ministeri/ Caldoro: Basta ricatti o anche Napoli chiederà

Governatore Campania: Per ogni ministero al Nord, uno al Sud

Ministeri/ Caldoro: Basta ricatti o anche Napoli chiederà

Roma, 19 giu. (askanews) - "La Lega ha ottenuto quel che voleva, è stata soddisfatta nelle sue richieste, ora non deve fare ricatti". Il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, chiede che se verranno accolte le richieste di Bossi, in particolare sul trasferimento di ministeri, allora ci sia "più equilibrio, per uno che va al Nord, uno deve andare al Sud e a Napoli, che del Mezzogiorno è la capitale". In una intervista al Messaggero, il governatore campano esponente del Pdl, osserva che la lega "diventa ingestibile" quando "invece di lavorare sul fronte politico, si arrocca a difesa delle proprie rendite di posizione, usando argomenti diversi di protezionismo e di egoismo". Nel quadro di questa "esigenza di marcare, anzi di accentuare il suo perimetro d'azione" va iscritta anche la richiesta sui minsiteri.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa