giovedì 19 gennaio | 16:41
pubblicato il 28/lug/2011 21:28

Ministeri/ Bossi rilancia, Napolitano vigila su atti da Governo

Il presidente rinvia la partenza per attendere chiusura Camere

Ministeri/ Bossi rilancia, Napolitano vigila su atti da Governo

Roma, 28 lug. (askanews) - Sui ministeri il capo dello Stato ha detto quello che doveva dire, nel brevissimo colloquio di oggi con Silvio Berlusconi la questione quasi non è stata toccata e ora il Quirinale attende i fatti dal Governo. Il rilancio di Umberto Bossi ("La Costituzione non dice dove devono stare i ministeri") non viene commentato, il presidente della Repubblica non partecipa al dibattito politico viene ricordato, e si limita ad osservare gli atti istituzionali, valutandone la congruità rispetto alle norme previste dalla Costituzione. Tanto più che al Colle hanno anche notato l'altra dichiarazione di Bossi, quella in cui il leader leghista ha assicurato che il rapporto con Napolitano "non si romperà per questa storia". Le scambio di battute con Berlusconi - poco prima del giuramento dei due nuovi ministri Palma e Bernini - è durato solo qualche minuto, appena il tempo per il premier di spiegare che in Consiglio dei ministri aveva raccomandato a tutti di tenere conto dei richiami del Quirinale sui ministeri. Berlusconi, secondo quanto si apprende, avrebbe sottolineato a Napolitano che il richiamo è stato inserito anche nel comunicato ufficiale di palazzo Chigi, anche se pare che in realtà sia stato Gianni Letta, durante la riunione del Governo, a pronunciare la raccomandazione ai ministri. Berlusconi avrebbe poi annunciato a Napolitano che il Consiglio si sarebbe riunito di nuovo nel pomeriggio per la nomina di Belcastro a sottosegretario e, infine, avrebbe aggiornato il capo dello Stato sull'assenza forzata cui sarà costretto per qualche giorno a causa dell'operazione alla mano. Insomma, solo poche battute. Del resto, già altre volte Berlusconi aveva minimizzato con Napolitano la questione dei ministeri, spiegando che sono "bandierine" che deve concedere alla Lega e che in realtà non ci saranno né aggravi di costo né un vero spostamento di sede. Il capo dello Stato, a questo punto, dopo aver richiamato nella lettera i tanti motivi di perplessità vuole vedere il Governo alla prova dei fatti, e poco importa ciò che Bossi dice nelle sue dichiarazioni: il Quirinale vuole vedere gli "atti" che il Governo compirà. O anche quelli che non compirà, nel senso che se alla fine i 'ministeri al Nord' si riveleranno una bolla di sapone, solo "uffici periferici", tanto meglio. Ma il Colle ha voluto mettere nero su bianco i suoi paletti, ricordando solo principi e norme costituzionali da rispettare, anche per aprire uffici periferici. Che vanno aperti laddove necessario, mentre "ulteriori dispersioni degli assetti organizzativi dei ministeri" confliggerebbero con l'art. 114 della Costituzione, senza parlare dell'aumento dei costi. D'altro canto, il presidente della Repubblica ha ben altre questioni per la testa in questi giorni. Il nuovo richiamo lanciato stamattina alla politica la dice lunga: "La politica oggi appare debole, irrimediabilmente divisa e incapace di scelte coraggiose, coerenti e condivise". Napolitano ha oggi incontrato Mario Draghi, ieri ha incontrato il direttore generale del Tesoro Vittorio Grilli: l'andamento dei mercati, gli attacchi della speculazione continuano ad essere monitorati dal Colle. Per questo l'auspicio di uno "scatto" della politica, "una svolta, non foss'altro per un istinto di sopravvivenza nazionale". Anche per questo, oltre che per la fiducia in votazione domani e per i lavori parlamentari che si protrarranno durante i primi di agosto, Napolitano ha deciso di rinviare la partenza per le proprie vacanze: il capo dello Stato attenderà la chiusura delle Camere.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale