giovedì 08 dicembre | 05:41
pubblicato il 21/mar/2011 05:15

Mills/ Premier oggi assente, depone consulente del pm

L'accusa chiederà di avviare rogatorie per testi esteri

Mills/ Premier oggi assente, depone consulente del pm

Milano, 21 mar. (askanews) - Riprende oggi il processo in cui Silvio Berlusconi è imputato di aver corrotto l'avvocato David Mills. Il premier non sarà in aula a causa della convocazione delconsiglio dei ministri decisa venerdì, ma consentirà che si proceda in sua assenza. Lo hanno fatto sapere i suoi legali venerdì, spiegando di non invocare alcun legittimo impedimento. L'udienza sarà dedicata all'esame del consulente storico della procura di Milano, Gabriella Chersicla, della società di revisione Kpmg, la cui ricostruzione dei flussi finanziari sui conti di Mills era stata determinante per la condanna in primo e secondo grado a 4 anni e 6 mesi per l'avvocato inglese, prima che la Cassazione pur confermando l'impianto accusatorio decidesse il proscioglimento per intervenuta prescrizione, mantenendo il risarcimento alla presidenza del consiglio dei ministri per 250mila euro e spese processuali per 25mila euro. Si tratta di soldi che Mills non ha ancora versato spiegando di non riconoscere le statuizioni civili. Palazzo Chigi si è rivolto alle autorità di Londra al fine di far riconoscere la sentenza anche in Inghilterra. Mills sarebbe pronto a rivolgersi alla Corte Europea. Chersicla è consulente dell'accusa anche nei processi Mediaset e Mediatrade, dove le difese in due occasioni avevano contestato le somme pagate dalla procura alla Kpmg, ritenendole eccessive. Nel primo caso la difesa di Berlusconi aveva a un certo punto rinunciato a coltivare il ricorso. Nel secondo caso il Tribunale di Milano aveva bocciato l'istanza presentata dai legali di Giovanni Stabilini, ex manager di Mediaset, coimputato del premier per appropriazione indebita nell'udienza preliminare Mediatrade che riprenderà il prossimo 28 marzo davanti al gup Maria Vicidomini. Oggi in udienza con ogni probabilità il pm Fabio De Pasquale chiederà ai giudici della decima sezione penale di avviare formalmente le richieste di assistenza giudiziaria internazionale al fine di sentire i testimoni esteri, nell'ambito della necessità secondo l'accusa di accelerare i tempi del processo in modo da evitare la scadenza della prescrizione nei primi mesi dell'anno prossimo. L'udienza successiva, infatti, si terrà solo il prossimo 9 maggio. I testimoni esteri sono una decina, tra Londra, Madrid e Lugano. Con Inghilterra e Spagna (dove vive Paolo Del Bue di Arner Bank imputato di riciclaggio nel caso Mediaset e indagato per lo stesso reato in relazione al sequestro del Grand Hotel di Roma vicenda Imi-Sir, ndr.) si dovrebbe procedere con udienze in videoconferenza. Il processo dovrebbe invece trasferirsi a Lugano per sentire due testimoni. Un altro teste che vive fuori dall'Italia, l'armatore napoletano Diego Attanasio, invece sarebbe disponibile a deporre in aula a Milano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni