domenica 04 dicembre | 10:00
pubblicato il 28/dic/2013 16:46

Milleproroghe: Boccia, Grillo delira su Web tax per difendere elusori

Milleproroghe: Boccia, Grillo delira su Web tax per difendere elusori

(ASCA) - Roma, 28 dic - ''Prima gli attacchi sguaiati e scomposti al Capo dello Stato e alle istituzioni democratiche, poi i giornalisti messi alla gogna, ora Beppe Grillo torna all'attacco con un suo cavallo di battaglia: la cosiddetta web tax. E lo fa dall'alto della sua competenza in materia, essendo uno dei ricchi milionari italiani che ha potuto usufruire di generosi condoni fiscali sui quali attendiamo sempre speranzosi, da mesi, una sua auspicabile smentita''. Cosi' in una nota il presidente della Commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia.

''Oggi il leader pentastellato rispolvera la sua vena polemica e poetica per un presunto piano segreto che si celerebbe dietro la web tax che ha, in realta', come unico obiettivo l'applicazione della normativa fiscale italiana anche per quei colossi del web che, con un sapiente incrocio societario, le tasse vanno a pagarle in Irlanda o alle Cayman invece che nei paesi nei quali fanno utili. Grillo, come tutti coloro chevogliono distogliere l'attenzione dal nocciolo della questione, e cioe' che le multinazionali americane eludono le tasse italiane, delira su un fantomatico complotto che sarebbe stato addirittura orchestrato dall'ingegner De Benedetti. Un imprenditore che, insieme a Confindustria Radio-tv, Anica, Siae e migliaia di persone libere (che non si celano dietro la metodica orchestrazione di interventi sul web ben calibrati ma anonimi) hanno sostenuto la nostrabattaglia per applicare l'Iva italiana a tutti coloro che lavorano e guadagnano in Italia. Un'ipotesi, quella del piano segreto, che ci riporta tristemente agli anni nei quali era facile infangare l'avversario di turno con ipotesi fuori della realta'. Pratica tuttora in voga nelle dittature di ognilatitudine'', sottolinea Boccia.

''E' sconcertante ostinarsi a non voler fare i conti con la realta', una realta' che vede le multinazionali del web depredare sistematicamente l'Italia e l'Europa di miliardi di euro ogni anno. In Inghilterra, Francia e Germania le forze politiche cercano di fare gli interessi della gente e non dei potentati economici, li' stanno preparando normative esattamente simili a quella italiana, sia nel metodo che nelcontenuto. L'Italia sarebbe arrivata per prima, una volta tanto, in questa corsa alla giustizia fiscale. Grazie alla battagliaparlamentare italiana i giganti del web, che fino ad oggi hanno tranquillamente eluso il fisco italiano (e continuano a eludere quello dei principali Paesi europei) verseranno alle casse dello Stato almeno 130 milioni di euro.

Questo e' un dato di fatto, con il ruling, immediatamente utilizzabile dall'Agenzia delle Entrate, infatti, le multinazionali del web saranno costrette a sedersi di fronte al fisco italiano e a pagare tutto quello che fino ad oggi hanno avuto la possibilita' di eludere. Sul capitolo Iva, invece, regolarmentepagata per ogni altro comparto o settore ad eccezione dei giganti del web, il governo ha preferito rinviare. Una decisione che accetto perche' figlia di una strategia chiara di negoziato con Bruxelles ma che non condivido. Ma, poiche' indemocrazia decide la maggioranza, attenderemo luglio. O meglio aprile, quando il Consiglio d'Europa, dopo i giudizi espressi dal commissario Almunia e da molti altri suoi colleghi che considerano la sistematica elusione fiscale da parte delle multinazionali web uno scempio, avviera' il dibattito fra gli Stati membri. Sara' un piacere confrontarci in Europa, in attesa che le teorie complottistiche di Grillo giungano fin li''', conclude Boccia. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari