martedì 24 gennaio | 10:49
pubblicato il 28/mag/2011 15:03

Milano/ Volata Moratti-Pisapia tra veleni, caccia a voto spietata

Con "zingaropoli" fallito subito tentativo di abbassare toni

Milano/ Volata Moratti-Pisapia tra veleni, caccia a voto spietata

Milano, 28 mag. (askanews) - Nonostante la volontà di cambiare registro, la campagna elettorale per il ballottaggio a Milano è stata tutt'altro che un confronto pacato sui programmi. Due settimane di toni accesissimi, sfociati anche in aggressioni vere o presunte, ma anche promesse dell'ultimo minuto, scambi di accuse fra Letizia Moratti e Giuliano Pisapia, confronti tv disertati e denunce in Procura. La Milano che si appresta ad andare al secondo turno delle comunali, fatto che non si verificava dal 1997 (primo mandato di Gabriele Albertini), ha dovuto fare i conti con la fibrillazione di un centrodestra scottato dal risultato del primo turno e con un centrosinistra galvanizzato dall'inatteso vantaggio. A decidere sarà infatti la capacità del centrosinistra di riportare alle urne tutti i propri elettori e quella del centrodestra di motivare gli astenuti del primo turno. Una caccia al voto senza esclusione di colpi che comunque ha provocato una mobilitazione collettiva che in città non si vedeva da anni. A dare fuoco alle polveri sono stati i pezzi da novanta del centrodestra. La Milano guidata da un'eventuale giunta di Pisapia sarebbe una "zingaropoli", "islamopoli", "spinellopoli" e "graffitopoli" hanno detto subito dopo la batosta del primo turno. Il leghista Mario Borghezio ha addirittura definito lo sfidante della Moratti come un candidato gradito da Al Qaeda. Una linea dalla quale il sindaco uscente ha cercato di smarcarsi, cambiando anche la squadra di comunicatori. Da qui la decisione di puntare sugli incontri con la gente nei quartieri, spesso accompagnata dall'ex sindaco Gabriele Albertini, per rimarcare una continuità che invece a inizio mandato aveva rinnegato. Una sterzata che si è però scontrata con una crescente tensione, sfociata anche in aggressioni. Prima il Pdl milanese ha denunciato l'aggressione di Franca Rizzi, madre dell'assessore comunale allo Sport Alan Rizzi, poi la parte avversa, nella stessa giornata, ha registrato l'aggressione di un fan di Giuliano Pisapia. Una tensione durata per qualche giorno e soppiantata poi dallo scontro sulle promesse elettorali. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4