sabato 10 dicembre | 22:08
pubblicato il 15/apr/2014 11:45

Milano: Kabobo condannato a 20 anni (1 update)

(ASCA) - Milano, 15 apr 2014 - Vent'anni di carcere per Adam Kabobo, il ganese che l'11 marzo scorso ha ucciso a colpi di piccone tre persone nel quartiere milanese di Niguarda. E' quanto prevede la sentenza emessa oggi dal gup, Manuela Scudieri, al termine del processo con rito abbreviato. In base al verdetto, una volta espiata la condanna a 20 anni di reclusione, Kabobo dovra' trascorrere altri tre anni all'interno di una casa di cura e custodia. In pratica, il giudice ha accolto le richieste del pm, Isidoro Palma, che aveva chiesto per il ganese una condanna a 20 anni piu' 6 di ospedale psichiatrico giudiziario. I risarcimenti alle parti civili ammontano a circa 100mila euro ciascuno.

La sentenza riconosce la semi infermita' mentale del condannato. Per questo Benedetto Ciccarone e Francesca Colasuono, avvocati di Kabobo, sono pronti a presentare ricorso in appello nel tenativo di far riconoscere l'infermita' totale del loro assistito nel processo di secondo grado. fcz/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina