sabato 10 dicembre | 07:01
pubblicato il 20/set/2011 05:10

Milanese/ Oggi riunione Lega, 'maroniti' per l'arresto

Gli uomini del ministro:"Sbloccare stallo, premier indifendibile"

Milanese/ Oggi riunione Lega, 'maroniti' per l'arresto

Roma, 20 set. (askanews) - Ufficialmente deciderà l'assemblea di gruppo che dovrebbe tenersi stasera al termine dei lavori del'Aula, ma gran parte dei deputati della Lega ha già tratto il dado sulla sorte del deputato del Pdl Marco Milanese, ex braccio destro del ministro Tremonti (implicato nella vicenda dell'appartamento romano dove Tremonti abitò), ovvero concedere l'autorizzazione all'arresto chiesto dalla Procura di Napoli. Tanto più che ormai il voto segreto è praticamente una certezza. I parlamentari che fanno riferimento a Roberto Maroni si mostrano determinati: "I nostri militanti non sopporterebbero un 'salvataggio' di Milanese". Ecco allora che, almeno secondo queste dichiarazioni, sono oltre 40 i leghisti che giovedì sono pronti a votare per il carcere a Milanese. Numero che dovrebbe scendere di poco anche se dal partito dovesse venire un'indicazione diversa: "Se per Papa valeva la libertà di coscienza, perchè non dovrebbe valere per Milanese?", è la domanda ricorrente. Non a caso, lo stesso Bossi dal "Non mi piace fare arrestare la gente" di martedì, è passato il giorno dopo ad affacciare la libertà di coscienza: "E' una possibilità". Una determinazione, quella dei maroniti, che affonda nella "consapevolezza della nostra forza" e nella volontà - di cui non si fa più mistero - di provare a far cambiare passo alla legislatura. Perchè "Berlusconi ormai è indifendibile sotto ogni punto di vista". Solo lo sganciamento dal premier potrà "permetterci di uscire dall'angolo, poi si vedrà come giocarsi la partita". Due le opzioni, secondo il ragionamento dei maroniti: "Ci si può arroccare sulla Lega dura e pura, tornare a parlare di secessione come ha fatto ieri Bossi, saltare 'un giro' e poi riprovare da capo a costruire il federalismo". Strada "molto lunga". Oppure, ed è l'opzione preferita, "si può scommettere su un centrodestra diverso", Berlusconi-free, con i settori del Pdl che "già ora cercano di interloquire con noi" e che si allarghi a Casini ("Ha tutto l'interesse a rientrare subito in maggioranza"). Un centrodestra che, è la speranza dei maroniti, provi nell'anno e mezzo di legislatura che resta a "rilanciare le riforme e far dimenticare l'epilogo del berlusconismo". Una "scommessa", ammettono, ma l'unica certezza è che "restare con Berlusconi significa condannarsi alla sconfitta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina