lunedì 05 dicembre | 18:02
pubblicato il 22/set/2011 18:36

Milanese: Oggi ha prevalso il voto di coscienza

"C'è valenza politica, ma io non faccio valutazioni"

Milanese: Oggi ha prevalso il voto di coscienza

Roma, 22 set. (askanews) - Il voto di oggi con cui la Camera ha respinto la richiesta di arresto del deputato Marco Milanese "è stato un voto di coscienza". Lo dice lo stesso deputato Milanese intervistato a 'Porta a Porta'. "Io penso - ha detto - che oggi ci sia stato un voto di coscienza, ognuno cioè ha votato rispettando la propria coscienza. Tra le opposizioni c'è stato qualcuno che ha tentato di rendere politico questo voto, ma quando si vota su una persona bisogna votare secondo coscienza. Sicuramente - ha aggiunto - la situazione politica ha giocato un ruolo come lo ha giocato per il collega Papa. Bisognava pensarci anche per Papa, ma oggi la coscienza ha prevalso". Interrogato ancora a proposito della 'valenza politica' del voto di Montecitorio, Milanese ha risposto: "La valutazione politica sul voto la devono fare altri, chi più di me ha responsabilità politiche nel partito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari