martedì 17 gennaio | 20:24
pubblicato il 23/set/2011 12:53

Milanese: False dicerie su me e Tremonti, ma non mi hanno ferito

Non ci sarebbe di nulla di male a dirlo, ma sono falsità

Milanese: False dicerie su me e Tremonti, ma non mi hanno ferito

Roma, 23 set. (askanews) - "Certe dicerie sul rapporto tra me e Tremonti non mi hanno ferito assolutamente. Anche perché non ci sarebbe nulla di male, se non fossero cose inventate di sana pianta" perchè "se fosse vero, non avrei timore a dirlo". Marco Milanese, intervistato da Klaus Davi per KlausCondicio, trasmissione tv in onda su You Tube, ha negato l'esistenza di rapporti personali particolari con il ministro dell'Economia, derubricando a "pettegolezzi falsi" i boatos diffusi in questo senso. A Davi che gli ha domandato se potessero essere stati i servizi segreti a diffondere quei 'pettegolezzi' per calunniarlo, il deputato autsospeso dal Pdl per cui ieri la Camera ha negato l'arresto richiesto dalla Procura di Napoli, ha risposto: "Lo dice lei? Io penso invece che ci sia tanta gente pettegola". E in ogni caso "è tutto falso" anche se ma "non sarebbe un disonore in quanto tale". Quanto all'accusa di corruzione e favoreggiamento che la Procura di Napoli gli muove nell'inchiesta sulla P4, "non ho mai preso una sola lira per le nomine" e "tenevo semplicemente - ha ripeuto la sua difesa Milanese- i rapporti con la parte politica, il mondo politico. Soprattutto curavo tutta una serie di dettagli tecnici, perché la scelta politica ci può essere. Non ci possiamo aspettare che un Ministro dell'Economia o un Presidente del Consiglio si possano occupare di curricula. C'è l'esigenza di controllare se ci fossero tutti i requisiti da parte delle persone selezionate, perché spesso potevano essere segnalate anche delle persone che non avevano i requisiti, non dico morali, ma quantomeno professionali, per essere nominati". "Si può pensare - ha domandato Milanese- che io possa essere il deus ex machina delle nomine, però i parlamentari quante segnalazioni o quante presentazioni ci fanno? Tante. Ma non c'è reato. Il reato ci sarebbe se, a fronte di una presentazione, uno riceva utilità o altro. Avrei commesso reato se avessi ricevuto soldi o utilità, ma non c'è nessuno che possa dirlo. Non ho mai preso una lira".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa