giovedì 08 dicembre | 07:16
pubblicato il 30/mag/2016 16:35

Migranti, Gelli: prevedibile incremento arrivi ma non è invasione

"Viminale studia apertura altri 2-3 hotspot. Ma Ue approvi migration compact"

Migranti, Gelli: prevedibile incremento arrivi ma non è invasione

Roma, 30 mag. (askanews) - In Italia non c'è una "invasione" di migranti, ma sicuramente c'è da aspettarsi un incremento dei flussi nei mesi estivi e per questo il ministero dell'Interno sta lavorando all'apertura di altri 2 o 3 hotspot. Ma poi c'è da migliorare l'accoglienza di secondo livello. A dirlo, in una intervista ad Askanews, è Federico Gelli, deputato renziano del Pd e presidente della commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza, di identificazione ed espulsione.

- D. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dice che i numeri dell'immigrazione sono simili a quelli degli anni scorsi, ma per le opposizioni l'Italia è soggetta a una vera e propria invasione. Qual è la reale situazione?

- R. "Non c'è un'invasione, i numeri sono pressoché costanti nel 2014, 2015 e 2016. Se non fosse stato per le ultime due settimane, anzi, quest'anno ci sarebbe stato un calo del 18%. Certamente con l'arrivo della bella stagione c'è da aspettarsi un incremento degli arrivi, anche nel 2014 e 2015 il picco c'è stato a luglio e agosto. Ma il problema non sono i numeri".

- D. Qual è dunque il problema?

- R. "L'elemento drammatico è che si vedono arrivare sulle nostre coste sempre più nuclei familiari, minori non accompagnati, e mamme con bambini piccoli. Sta cambiando la tipologia del migrante, con nuclei familiari e minori che scappano da guerre, torture e violenze. Nelle scorse settimane ho incontrato un padre che raccontava piangendo che hanno violentato la figlia davanti a suoi occhi in una prigione della Libia. Molti arrivano dall'Africa sub-sahariana in Libia, li arrestano e nelle loro prigioni succede di tutto in attesa di trovare uno scafista che per migliaia di euro li fa salire su una barca. L'arrivo di famiglie o di minori soli crea sicuramente maggiori difficoltà nell'accoglienza".

- D. Se però il flusso dei migranti, in estate, è destinato comunque ad aumentare, per i prossimi mesi si verificherà una situazione di emergenza?

- R. "Noi come commissione abbiamo verificato la funzionalità degli hotspost: per ora abbiamo visitato Trapani e Taranto, nelle prossime settimane visiteremo Pozzallo e Lampedusa. Gli hotspot stanno funzionando, svolgono bene la loro funzione di identificazione e fotosegnalazione che avviene ormai al 100% degli sbarchi, anche con la presenza di mediatori culturali che spiegano ai migranti che è un bene per loro di essere individuati e che questo non inficia sulla eventuale relocation".

- D. Per l'Unione europea, però, i quattro hotspot italiani non sono sufficienti.

- R. "Il Ministero dell'Interno infatti ci ha comunicato che sta studiando l'apertura di altri 2/3 hotspot. Ma al di là di questi, poi l'importante è migliorare l'accoglienza diffusa".

- D. Come sta funzionando l'accoglienza sul territorio?

- R. "Rispetto all'ipotesi e agli obiettivi iniziali siamo al 50% delle potenzialità. Il Ministero dell'Interno aveva fatto un bando per 10 mila posti rivolto a Comuni e associazioni per creare piccoli spazi di accoglienza, che sono il modello migliore. Purtroppo abbiamo ancora Comuni recalcitranti e quindi le Prefetture sono costrette a individuare sedi alternative anche di grandi dimensioni. Al momento i posti creati sono circa 5 mila e per questo il Viminale ha riproposto il bando in maniera diversa per renderlo più appetibile. Purtroppo grandi strutture come i Cas, i centri di accoglienza straordinaria, tutto sono tranne che integrazione. A questo proposito bisogna velocizzare anche i tempi per il riconoscimento giuridico dello status di rifugiato. Non può passare un anno/un anno e mezzo per sapere se un migrante ha diritto a restare in Italia. Oggi, i dati sono al 20 maggio, il 4% ottiene lo status di rifugiato politico, il 13% ha diritto alla protezione sussidiaria e il 18% alla protezione umanitaria. Circa il 35%, mentre il restante 65% poi deve essere reimpatriato".

- D. In tutto questo il piano di ricollocamenti in Europa è stato un flop.

- R. "Sicuramente non ha funzionato: sui 20 mila ricollocamenti previsti ne sono stati fatti pochissimi, qualche centinaio. Vari Paesi europei hanno nicchiato. Adesso è necessario che il migration compact proposto dall'Italia venga accettato e mi sembra che ci siano segnali molto positivi. Questo ci permetterà di intervenire direttamente nei Paesi di origine. Certo è che una cosa sono i territori da dove fuggono per motivi economici, altra cosa quando fuggono dalla guerra. Queste migrazioni non potranno mai essere bloccate finchè non si stabilizzano quei territori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni