martedì 28 febbraio | 09:06
pubblicato il 15/set/2014 15:32

Migrantes: aumentano i morti ma non la consapevolezza europea

Mons. Perego: Mare nostrum, corridoi umanitari e visti ingresso (ASCA) - Roma, 15 set 2014 - "Il Mediterraneo e' ancora teatro di una nuova tragedia, in acque libiche. I morti aumentano, ma non aumenta la consapevolezza europea di un impegno piu' condiviso per dare continuita' a Mare nostrum, per costruire corridoi umanitari, per rafforzare la possibilita' di visti d'ingresso nei diversi paesi europei per chi e' in fuga da conflitti e persecuzioni". Lo dichiara mons. Gian Carlo Perego, direttore generale Fondazione Migrantes. "Popoli, famiglie in cammino chiedono, piu' che rafforzare i nostri arsenali di armi, la revisione e l'ampliamento di politiche di sviluppo, proprio a partire dai Paesi di provenienza di giovani, uomini e donne, bambini che stanno arrivando, se la morte non li ferma prima, sulle nostre coste: Siria e Palestina, Eritrea, Somalia, Mali, Senegal, Nigeria e Gambia, Afganistan e Pakistan".

Ska

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech