domenica 04 dicembre | 21:27
pubblicato il 14/dic/2011 20:19

Mentana/ Parla in tv:O c'è chiarimento o non posso restare a La7

Non voglio fare la fine di chi si è dimesso per rinvio a giudizio

Mentana/ Parla in tv:O c'è chiarimento o non posso restare a La7

Roma, 14 dic. (askanews) - "O ci sarà un chiarimento ulteriore che possa dissipare il terreno da tutto questo che è molto grave per me o ovviamente non ho ragione di restare qui". Enrico Mentana spiega in diretta all'apertura del Tg de La7 le ragioni che lo hanno spinto ad annunciare le sue dimissioni dalla direzione del tg e anche le condizioni per revocarle alla luce di un'assemblea dei redattori che si è conclusa con la richiesta al direttore di restare. Mentana ha ripercorso l'episodio che ha portato alle sue dimissioni; "Lunedì c'è stato lo sciopero di tre ore di Cgil, Cisl e Uil contro le misure meno eque del governo Monti, in quella giornata il tg ha documentato nel modo più esaustivo con un servizio ampio nel giornale delle 20, facendo sentire le voci dei leader sindacali, in quella data l'Fnsi ha fatto un comunicato solidarietà con i poligrafici dei giornali, anche loro in agitazione, e i sindacati dei giornalisti e la stampa romana, insieme al cdr del TgLa7 hanno chiesto che il comunicato dell'Fnsi venisse letto nel tg. Come sapete in questo tg entrano solo le notizie che contano, abbiamo tolto tutti i fronzoli, e francamente della solidarietà della Fnsi ai poligrafici si poteva e si doveva fare a meno. Non accettiamo l'imposizione documenti da questa o quella categoria sennò il tg sarebbe fatto solo di comunicati, e quindi ho deciso di non accettare quella richiesta. A seguito di questo io in qualità di direttore responsabile sono stato oggetto di una denuncia alla magistratura per violazione dei patti, per comportamento antisindacale. E così molti giornali questa mattina hanno scritto 'la redazione denuncia Mentana'. Io non posso lavorare con persone che mi hanno denunciato, oggi dopo aver aspettato 24 ore per vedere se non era vero o c'erano dissociazioni da parte dei giornalisti, oggi pomeriggio ho deciso di dimettermi da questo tg. Potreste voi studiare o lavorare in un ambiente in cui vi hanno denunciato? Io ho deciso di andarmene. Poco fa l'assemblea giornalisti mi ha chiesto di restare, dicendo che il cdr non ha presentato nessuna denuncia nè azioni contro il direttore". "Immaginate cosa vuol dire dopo tutto il lavoro fatto in un clima di ottime relazioni umane venire a sapere che si è denunciati per non aver letto un comunicato che francamente non aggiungeva nulla all corretta articolazione del giornale - ha insistito Mentana -, poco fa stampa romana ha confermato l'esistenza della denuncia. E io non voglio fare la fine di altri direttori dimissionati per rinvio a giudizio. Oltre alla coscienza limpida vorrei avere la fedina penale pulita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari