domenica 04 dicembre | 03:11
pubblicato il 17/ago/2013 12:00

Meeting Cl/ Letta inaugura e parla di Europa, video di Napolitano

A Rimini metà governo. Escluso dal programma Roberto Formigoni

Meeting Cl/ Letta inaugura e parla di Europa, video di Napolitano

Bologna, 17 ago. (askanews) - Un'Europa dello sviluppo e della solidarietà, con meno rigore e più "anima", più vicina ai cittadini e in particolare ai giovani in cerca di occupazione. A un anno scarso dall'avvio del semestre di presidenza italiano dell'Ue, il presidente del Consiglio Enrico Letta dal Meeting di Rimini indicherà le priorità per il futuro dell'Europa. E lo farà con la "benedizione" del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, a due anni dalla sua visita personale, torna a rivolgersi al popolo di Comunione e liberazione con un video messaggio su "giovani ed Europa". Così prende il via domenica alla Fiera di Rimini l'edizione numero 34 del "Meeting per l'amicizia fra i popoli" dedicata a riflettere sull'"Emergenza uomo". Sul palco, come ogni anno, fino a sabato 24 agosto si alterneranno imprenditori, docenti, religiosi e politici. Saranno presenti nove dei venti ministri del governo in carica e i rappresentanti di Pdl, Pd e Scelta civica nell'Intergruppo parlamentare sulla sussidiarietà; manca invece all'appello l'ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni, figura storica della kermesse ciellina defilato dopo il rinvio a giudizio sul caso dei rimborsi alla Fondazione Maugeri; nel programma ufficiale non risulta nemmeno un rappresentante della Lega Nord, neanche il sindaco di Verona Flavio Tosi, presenza ormai fissa alle ultime edizioni. La prima giornata del Meeting inizierà con la celebrazione della messa alla quale parteciperà anche il premier Letta, prima di inaugurare la mostra "Sinfonia dal 'nuovo mondo'. Un'Europa unita, dall'Atlantico agli Urali" che dà il titolo anche all'incontro inaugurale. "E' un amico da sempre. Insieme a Maurizio Lupi è stato il fondatore dell'Intergruppo parlamentare sulla sussidiarietà" ha detto Emilia Guarnieri, presidente della fondazione Meeting di Rimini, commentando l'invito al premier in un'intervista a 'Repubblica'. Sempre di "Europa dei popoli, Europa degli stati" si discuterà il terzo giorno con il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz e il ministro per lo sviluppo regionale della Repubblica portoghese Luis Miguel Poiares Maduro. In sette giorni approderanno a Rimini manager, imprenditori e sindacalisti (da Autostrade per l'Italia a Eni, da Ferrovie dello Stato alle principali associazioni di categoria) per confrontarsi su competizione internazionale, sostenibilità, crescita, occupazione, responsabilità sociale d'impresa e rivoluzione digitale. Tema collaudato nelle precedenti edizioni del Meeting quello della giustizia e della riforma carceraria in Italia, che assume un significato ancora più importante all'indomani dalla sentenza della Cassazione sui diritti Mediaset che ha definitivamente condannato l'ex premier Silvio Berlusconi. Giovedì mattina ne discuteranno due ministri (Alfano e Cancellieri) oltre all'ex presidente della Camera Luciano Violante durante l'incontro "Una pena per redimere in una società più sicura". A Rimini ci sarà il tempo anche di confrontarsi su questioni "vaticane" a partire dall'analisi dei discorsi di papa Benedetto XVI "persona, politica e giustizia". "Con la Lumen fidei alle periferie dell'esistenza" è invece il titolo dell'incontro promosso sulla figura del nuovo papa Francesco: a parlare dei primi mesi del pontificato di Bergoglio saranno il segretario della Pontificia commissione per l'America latina Guzman Carriquiry e José Maria "Pepe" di Paolo, parroco di Villa 21 a Buenos Aires. Il Meeting di quest'anno sarà il primo dopo la morte di Giulio Andreotti, un "testimone, animato da una sincera dedizione al bene comune, in modo gratuito e libero" come ha avuto modo di ricordare don Juli n Carr n, presidente di Cl. Nessuna indiscrezione da parte degli organizzatori sul "fuori programma" del Meeting che potrebbe riservare sorprese. Come ogni anno potrebbe aggirarsi tra gli stand di Rimini l'ex segretario del Pd Pier Luigi Bersani, così come non è da escludersi un intervento di Formigoni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari