mercoledì 07 dicembre | 10:07
pubblicato il 06/feb/2014 11:43

Mediatrade: con nuova aggravante si allungano termini di prescrizione

(ASCA) - Milano, 6 feb 2014 - Tempi piu' lunghi per far scattare la prescrizione e pene piu' pesanti in caso di condanna. Sono queste le consueguenza piu' dirette della contestazione suppletiva formulata dai pm Fabio De Pasqule e Sergio Spadaro nei confronti di Pier Silvio Berlusconi e di alcuni degli altri imputati del processo Mediatrade. Per loro l'ipotesi accusatoria resta quella di frode fiscale, con in piu' l'aggravante della transnazionalita'. Quanto basta per allungare di due anni i termini di prescrizione, che a questo punto 'slitta' dal 2017 al 2019. Ma alla luce della nuova contestazione aumenta anche la pena massima. Che, in caso di condanna degli imputati, passa da 6 a 9 anni di reclusione. fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni