sabato 21 gennaio | 00:00
pubblicato il 06/feb/2014 11:43

Mediatrade: con nuova aggravante si allungano termini di prescrizione

(ASCA) - Milano, 6 feb 2014 - Tempi piu' lunghi per far scattare la prescrizione e pene piu' pesanti in caso di condanna. Sono queste le consueguenza piu' dirette della contestazione suppletiva formulata dai pm Fabio De Pasqule e Sergio Spadaro nei confronti di Pier Silvio Berlusconi e di alcuni degli altri imputati del processo Mediatrade. Per loro l'ipotesi accusatoria resta quella di frode fiscale, con in piu' l'aggravante della transnazionalita'. Quanto basta per allungare di due anni i termini di prescrizione, che a questo punto 'slitta' dal 2017 al 2019. Ma alla luce della nuova contestazione aumenta anche la pena massima. Che, in caso di condanna degli imputati, passa da 6 a 9 anni di reclusione. fcz/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4