venerdì 02 dicembre | 23:24
pubblicato il 12/dic/2011 10:30

Media/ Sondaggio: l'informazione più libera è su Internet

Il Tg1 dal 2007 perde quasi 19 punti di fiducia

Media/ Sondaggio: l'informazione più libera è su Internet

Roma, 12 dic. (askanews) - L'informazione più libera è quella che si trova su Internet: lo pensa il 40,4% degli italiani secondo un sondaggio Demetra che appare oggi su Repubblica. Il sondaggio è stato condotto su un campione di cittadini over 15 tratto da abbonati alla rete di telefonia fissa, nel periodo 30 novembre-5 dicembre 2011. Per il 21,2% degli intervistati, l'informazione più libera è invece quella della tv; solo il 17,8% risponde "i quotidiani" e l'8% "la radio". Dallo stesso sondaggio si apprende che l'83,6% degli italiani segue tutti i giorni un programma di informazione in tv, e il 38,7 cerca informazioni tutti i giorni su Internet (il 37,8% sulla radio, il, 27,9% sui quotidiani). L'uso quotidiano di Internet per l'informazione è progredito lentamente ma sicuramente negli ultimi anni; era il 38,5 nel 2010, il 38,2% nel 2009, un salto consistente c'è stato rispetto al 2007 quando la percentuale era del 24,8%. L'impressione è che oltre al grado di fiducia, in gioco ci sia il grado di conoscenza dello strumento; e infatti il sondaggio quando passa ad analizzare i singoli programmi segnala anche la percentuale di cittadini che non li conoscono proprio. Forte il calo di fiducia nel Tg1: dal 2007 al 2011 è di quasi 19 punti percentuali, adesso solo il 50,1% lo considera affidabile. Percorso inverso per il tg della 7 che ha guadagnato in questi anni 17,4% punti di fiducia e ora è affidabile per il 51,7% degli italiani. Ben il 62,1% considera attendibile il Tg3 (sostanzialmente stabile negli anni). Il Tg2 con la fiducia al 51,5% ha perso 11 punti, il Tg5 al 48,5% ha perso 10,8 punti sempre rispetto al 2007. Interessanti i dati dei tg 'satellitari' che compiono un balzo. SkyTg24 è affidabile per il 33,6% degli italiani, e segna un +12,3% rispetto al 2007 (il 31,8% non conosce il programma). RaiNews24 è affidabile per il 39,4% degli italiani e guadagna ben il 20,2% rispetto al 2007 (il 23,7% non conosce il programma). E per quanto riguarda i programmi di approfondimento; il 54,8% degli italiani ha fiducia in Ballarò; il 47,5% in Report (ma ben il 30,4 non conosce il programma); il 43,1 si fida di Matrix, il 40,3% di Servizio Pubblico, il 39,4% di Porta a Porta, il 38,6% de L'Infedele; seguono Otto e Mezzo, In 1/2 ora, Omnibus, Agorà con percentuali crescenti però di italiani che non conoscono il programma.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari