martedì 17 gennaio | 16:49
pubblicato il 11/mar/2013 17:06

Mazzini: Peluffo rende omaggio, dubito che gli piacerebbe questa Europa

Mazzini: Peluffo rende omaggio, dubito che gli piacerebbe questa Europa

(ASCA) - Roma, 11 mar - ''A Mazzini piacerebbe questa Europa? Ho i miei dubbi. Per costruire le democrazie serviva, a parere di Mazzini, uno sviluppo comune e concorde di nazioni che rappresentavano lo spazio ottimale di esercizio dei diritti e dei doveri di cittadinanza, con la possibilita' di controllare e partecipare ai processi decisionali''. Lo ha affermato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Paolo Peluffo, intervenendo a Genova alla giornata commemorativa della morte di Giuseppe Mazzini organizzata, come ogni anno, nell'ambito delle Giornate mazziniane: incontri presso l'Istituto mazziniano - Museo del Risorgimento - e visita il cimitero di Staglieno, dove si trova la sua tomba e quella di altri patrioti come Nino Bixio, Antonio Burlando, Michele Novaro. Stamattina alle ore 10, alla presenza del Sindaco Marco Doria, e' stata deposta una corona in memoria del 141* anniversario dalla morte del grande repubblicano, padre dell'Italia unita. Peluffo ha reso omaggio al patriota e ricordato la grande attualita' del pensiero mazziniano: ''La sua Europa era il luogo dove far crescere diritto al lavoro e all'educazione, il miglioramento delle qualita' umane, e non certo solo uno spazio economico e mercantile. Nazioni dove gli uomini sono produttori, e con il lavoro esprimono la propria personalita' e non vengono appiattiti alla funzione di meri consumatori''.

''Mazzini - ha continuato Peluffo - criticava aspramente gli eccessi del liberismo illimitato (''in questa guerra continua gli uomini s'educarono all'egoismo, all'avidita dei beni materiali esclusivamente'') ma ha capito fin dall'inizio i gravi pericoli del comunismo che con la scusa del l'utilita' sociale metteva in mano al governo il monopolio delle scelte economiche, producendo immobilita' e tirannide.

E' un pensatore che ci e' per troppo tempo apparso vecchio mentre era il piu' moderno di tutti. Mazzini serve agli europei di oggi per uscire da questa crisi profonda dei popoli e delle coscienze''.

Dopo la cerimonia il sottosegretario ha reso omaggio alla tomba di Ferruccio Parri, il comandante Maurizio, primo presidente del Consiglio dopo la Liberazione.

com-ceg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Ue vuole manovra bis Italia, Gentiloni mercoledì da Merkel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa