lunedì 16 gennaio | 20:35
pubblicato il 03/giu/2015 19:07

Mauro e Di Maggio lasciano, scarto maggioranza ora è 9 senatori

Rimescolamento in Popolari per l'Italia. D'Onghia resta a governo

Mauro e Di Maggio lasciano, scarto maggioranza ora è 9 senatori

Roma, 3 giu. (askanews) - Il piccolo terremoto in casa dei Popolari per l'Italia e la nascita del gruppo dei fittiani, il neonato Riformisti e conservatori, ridisegnano i contorni della maggioranza a Palazzo Madama, che registra l'uscita di due senatori, con la conseguente riduzione dello "scarto" rispetto all'opposizione, a 9 senatori. Un conto quanto mai cruciale, alla luce della riforma costituzionale che tornerà alla Camera alta in terza lettura prima della pausa estiva e del via libera alla riforma della scuola. Un conto che comunque, per essere incisivo, dovrà tener conto degli effetti finali del confronto fra Renzi e la minoranza interna del Pd.

Al momento c'è da registrare l'annuncio diffuso al termine del direttivo nazionale del partito che si è tenuto oggi, dell'uscita dei Popolari per l'Italia dalla maggioranza che sostiene il governo Renzi. Al Senato i parlamentari Pi erano Mario Mauro, Tito Di Maggio e Angela D'Onghia, sottosegretario all'Istruzione. L'annuncio della costituzione di Riformisti e conservatori ha reso pubblico che tra i 12 senatori del nuovo gruppo figura anche Tito Di Maggio. A scanso di equivoci il sottosegretario D'Onghia ha subito diffuso un comunicato con cui annuncia le proprie dimissioni dai Popolari per l'Italia e l'intenzione di restare al governo. Dal canto suo, Mario Mauro ha di fatto certificato con il comunicato al termine del direttivo del partito la sua decisione di uscire dalla maggioranza. Resterà in Gal, ma voterà con l'opposizione.

Rispetto a prima, dunque, sono solo due i senatori che assottogliano le fila della maggioranza. Anche se a dire il vero Tito Di Maggio, che è membro della commissione Antimafia, della commissione Finanze e della commissione Istruzione, in quest'ultimo caso, almeno finora, come supplente della D'Onghia, non ha mai partecipato alle votazioni. Per quanto riguarda dunque la situazione a Palazzo Madama per la maggioranza non cambia molto. Ha osservato il vicepresidente del gruppo Pd del Senato, Giorgio Tonini: "Capiamo che sul Senato si concentrino le attenzioni dei commentatori, visti i rapporti numerici tra maggioranza e opposizione. Ma vorrei ricordare a tutti che da settimane i senatori Mauro e Di Maggio votano con l'opposizione e non sostengono più la maggioranza. E Angela D'Onghia ha annunciato che resta al governo e nella maggioranza. I numeri al Senato non cambiano". Gli fa fatto eco il capogruppo, Luigi Zanda: "Molto rumore per nulla".

Per quanto riguarda i Popolari per l'Italia infine c'è da registrare l'uscita anche di Domenico Rossi, che non ha neppure partecipato in mattinata al direttivo nazionale del partito. Anche lui, sottosegretario alla Difesa, resterà al governo. Per il momento, se D'Onghia rimane nel gruppo Gal, Rossi si conferma nel gruppo per l'Italia-Centro democratico.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello