martedì 17 gennaio | 15:54
pubblicato il 26/set/2014 12:26

Matteoli (FI), ponte sulle Stretto e' svolta economica

(ASCA) - Roma, 26 set 2014 - ''Serve una svolta economica al nostro paese. E per dare nuova linfa vitale all'occupazione, la realizzazione del ponte di Messina sarebbe una mossa generosa per i cittadini e per il Paese intero''. Lo ha scritto il senatore di Forza Italia Altero Matteoli, in un editoriale sul quotidiano Italia-24News. ''La sua realizzazione - ha continuato Matteoli - contribuirebbe notevolmente alla crescita, al lavoro e all'economia di tutto il meridione e darebbe senso compiuto al corridoio europeo Helsinki-La Valletta''.

''Dando il via ai lavori - ha aggiunto Matteoli - il premier, rimedierebbe all'errore commesso in passato da Mario Monti, che senza mezzi termini archivio' la questione. Una scelta, quella del governo di allora, a mio avviso troppo avventata''. La costruzione del ponte sullo Stretto, ha continuato il senatore, ''era stata ripresa in mano dal governo Berlusconi nel 2008, e come al tempo ci fu la volonta' di prendere in mano le sorti di molti italiani, anche oggi Renzi potrebbe portare finalmente a compimento questa grande opera. In un momento di grande difficolta' occupazionale - ha concluso Matteoli - e' bene ricordare che la realizzazione del ponte significherebbe la creazione 40mila posti di lavoro per 5/6 anni. Sarebbe un segnale importante nei confronti di un meridione vessato da una crisi economica che non accenna ad allentare la sua morsa''.

com-fdv nostro paese. E per dare nuova linfa vitale all'occupazione, la realizzazione del ponte di Messina sarebbe una mossa generosa per i cittadini e per il Paese intero''. Lo scrive il senatore di Forza Italia Altero Matteoli, in un editoriale sul quotidiano Italia-24News. ''La sua realizzazione - continua Matteoli - contribuirebbe notevolmente alla crescita, al lavoro e all'economia di tutto il meridione e darebbe senso compiuto al corridoio europeo Helsinki-La Valletta''.

''Dando il via ai lavori, - aggiunge Matteoli - il premier, rimedierebbe all'errore commesso in passato da Mario Monti, che senza mezzi termini archivio' la questione. Una scelta, quella del governo di allora, a mio avviso troppo avventata''. ''La costruzione del ponte sullo Stretto - continua il senatore - era stata ripresa in mano dal governo Berlusconi nel 2008, e come al tempo ci fu la volonta' di prendere in mano le sorti di molti italiani, anche oggi Renzi potrebbe portare finalmente a compimento questa grande opera''.

''In un momento di grande difficolta' occupazionale - conclude Matteoli - e' bene ricordare che la realizzazione del ponte significherebbe la creazione 40mila posti di lavoro per 5/6 anni. Sarebbe un segnale importante nei confronti di un meridione vessato da una crisi economica che non accenna ad allentare la sua morsa''.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Ue vuole manovra bis Italia, Gentiloni mercoledì da Merkel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa