sabato 03 dicembre | 16:51
pubblicato il 18/ago/2016 18:22

Mattarella:dopo Brexit Ue non si appiattisca, rilanci integrazione

Europa non si ritiri da sue responsabilità

Mattarella:dopo Brexit Ue non si appiattisca, rilanci integrazione

Roma, 18 ago. (askanews) - L'Unione europea deve rilanciare l'integrazione e non lasciarsi trascinare, appiattirsi dopo il referendum britannico che ha sancito l'uscita del Regno unito dall'Ue. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo ad una manifestazione in ricordo di Alcide De Gasperi.

"L'Unione Europea non può ritirarsi dalle sue responsabilità e il cosiddetto metodo intergovernativo nelle decisioni non può surrogare il valore democratico delle istituzioni europee, specie del Parlamento di Strasburgo", ha detto Mattarella aggiungendo che "tanto meno questo può avvenire dopo la decisione nel referendum britannico che richiede un rilancio dell'integrazione e non una sorta di appiattimento sulle resistenze che hanno condotto a quel risultato negativo. A sfide sempre più globali occorrono risposte politiche europee, concordate a tutti i livelli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari