sabato 03 dicembre | 03:41
pubblicato il 18/ott/2016 12:47

Mattarella: sfida è qualità Italia nel mondo, no arroccamenti

"Con la lingua si promuove il sistema Paese"

Mattarella: sfida è qualità Italia nel mondo, no arroccamenti

Firenze, 18 ott. (askanews) - "Proporre la qualità Italia è la sfida di fronte a noi: proporre cioè l'umanesimo che deriva dalla nostra cultura, dal modo di vivere, di lavorare. L'italianità parla di umanesimo". Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo a Firenze agli Stati generali della lingua italiana nel mondo.

Mattarella ha insistito sul fatto che "la promozione della lingua italiana è opportunamente inserita nell'ambito della più generale promozione del sistema Paese: italofonia e italofilia sono percorsi sempre più paralleli". La lingua, la cultura, ha aggiunto Mattarella, "è in continuo divenire, non possiamo pensare di poterne fermare la proiezione su un fotogramma fisso" nè è ammissibile "un arroccamento identitario" ma bisogna "offrire alle altre culture, il portato dell'esperienza, della bellezza, cumulata in millenni".

(Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari