domenica 22 gennaio | 09:31
pubblicato il 09/apr/2015 19:27

Mattarella riunisce Csm su tragedia Milano:basta discredito toghe

I magistrati sono servitori dello Stato sempre in prima linea

Mattarella riunisce Csm su tragedia Milano:basta discredito toghe

Roma, 9 apr. (askanews) - Il capo dello Stato Sergio Mattarella scende in campo a difesa dei magistrati e del loro lavoro e lo fa nel giorno dell'uccisione del giudice Fernando Ciampi, freddato questa mattina nel suo ufficio al tribunale di Milano da un imputato in un suo processo. L'occasione viene data a Mattarella dalla convocazione straordinaria del plenum del Consiglio superiore della magistratura, di cui è presidente, decisa dopo quanto accaduto a Milano. Un plenum lampo, durato meno di 15 minuti, ed un breve intervento, quello di Mattarella. Ma ciò è bastato al presidente della Repubblica - dopo gli interventi del vicepresidente del Csm Giovanni Legnini e del consigliere Rosario Spina (ex presidente di sezione della Corte d'appello di Milano) per chiedere con forza - ai cittadini, agli organi di informazione, alla società nel suo insieme - di respingere "con chiarezza ogni forma, anche strisciante, di discredito" nei confronti dei magistrati. Questi ultimi, ha sottolineato, "sono sempre in prima linea e ciò li rende particolarmente esposti".

Sottolineature, quelle del presidente, che arrivano, fra l'altro, dopo ondate polemiche nei confronti dei magistrati, a partire dalla vicenda del G8 di Genova. Mattarella, quasi poi a voler sgombrare il campo da equivoci e insinuazioni su comportamenti ritenuti da alcuni ambigui da parte dello Stato che alle "insidie criminali lo Stato italiano risponde con fermezza, sempre nel pieno rispetto delle garanzie costituzionali e dei diritti dell'uomo". Detto questo non può evidentemente mancare "la nostra fiducia nella forza della legge, della giustizia e dell'ordinamento democratico".

Naturalmente Mattarella nel suo intervento non ha mancato di ricordare il magistrato ucciso. Una "assurda vicenda", ha definito quella accaduta questa mattina al tribunale di Milano. Oggi "siamo qui - ha sottolineato - per onorare la memoria di Fernando Ciampi, giudice probo, rigoroso e intransigente". Un altro magistrato, "l'ennesimo - ha detto Mattarella anche qui quasi a voler ricordare l'elenco dei morti - caduto nell'esercizio delle sue funzioni". Il capo dello Stato, dopo aver espresso solidarietà ai familiari delle altre due vittime e dei feriti - assicurando di "prendere parte al loro terribile dolore" - ha sostenuto che si tratta di un "dolore tanto più lacerante in quanto gli assassinii si sono verificati in un luogo dedicato al rispetto della legge e all'affermazione della giustizia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4