sabato 25 febbraio | 08:13
pubblicato il 28/apr/2016 12:21

Mattarella: politica e toghe collaborino, dai conflitti sfiducia

"No alla competizione o sovrapposizione di ruoli"

Mattarella: politica e toghe collaborino, dai conflitti sfiducia

Scandicci (Firenze), 28 apr. (askanews) - Politica e magistratura come tutti gli altri poteri dello stato devono "collaborare" perchè "il conflitto genera sfiducia", e questo aggrava i problemi del paese e indebolisce la lotta alla corruzione, oltre a indebolire tutte le parti coinvolte. E' il monito che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha lanciato a Firenze inaugurando la Scuola superiore della magistratura.

"Combattere la corruzione è un impegno di sistema, non di un solo corpo dello Stato, che non sarebbe sufficiente", ha avvertito Mattarella osservando che "per raggiungere risultati duraturi occorre favorire le sinergie: la magistratura ha il compito di perseguire i reati, le istituzioni politiche quello di agire per prevenire e sconfiggere i fenomeni corruttivi. E quello, insostituibile, di perseguire l'interesse comune, definendo le regole di legge, e quello di dotare il sistema giustizia di norme chiare ed efficaci e di mezzi adeguati. Per questo comune obiettivo occorre perseguire forme di collaborazione istituzionale".

"La magistratura non è e non vuole essere un'alternativa alle istituzioni politiche", ha sottolineato ancora il capo dello Stato spiegando che "l'ordinato svolgimento della vita istituzionale rafforza il senso dello Stato e il suo impegno contro il malaffare. Accresce la fiducia dei cittadini, i quali per primi si attendono, con ragione, che anche le varie articolazioni della Repubblica esprimano coesione". "Va sottolineato che questa collaborazione viene abitualmente praticata - ha concluso Mattarella -. Talvolta si registra invece competizione, sovrapposizione di ruoli, se non addirittura conflitto, e questo genera sfiducia, oltre a indebolire la società nel dispiegarsi delle sue potenzialità e a disorientarla riguardo al concreto esercizio dei diritti. Il conflitto, inoltre, indebolisce tutte le parti in contrapposizione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech