domenica 04 dicembre | 11:54
pubblicato il 23/apr/2016 12:03

Mattarella: la Repubblica deve sempre sapersi rinnovare

E' il nostro ponte verso l'Europa e verso il futuro

Mattarella: la Repubblica deve sempre sapersi rinnovare

Roma, 23 apr. (askanews) - "La Repubblica, specchio dei suoi cittadini e, insieme, baluardo delle loro libertà, deve sempre sapere rinnovarsi, dotarsi di strumenti più efficaci e trasparenti, riconquistarne la piena fiducia, indebolita in anni di crisi economica, di minor fertilità del circuito democratico". Lo ha scritto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un contributo per la rivista "Italianieuropei", in occasione del numero speciale intitolato "Il cammino della Repubblica", dedicato ai settanta anni del voto alle donne, del referendum Repubblica-Monarchia e dell'elezione dell'Assemblea costituente.

"La Repubblica resta lo spazio vitale. Resta un ponte. Verso l'Europa, che è il nostro destino e la nostra opportunità nel mondo globale. Verso uno sviluppo sostenibile, che deve legare insieme la qualità italiana, una migliore competitività del sistema e una maggiore equità sociale. Verso il futuro, per dar sicurezza alle speranze dei nostri giovani - ha proseguito il Capo dello Stato -. Non saper guardare oltre il presente costituisce uno dei limiti più grandi del nostro tempo. La scelta repubblicana fu, allora, il risultato di uno sguardo lungo. Sono convinto che disponiamo di tutte le energie per progettare insieme un futuro migliore".

Mattarella ha sottolineato come "l'innovazione sia così dirompente da toccare il modo d'essere della società e il suo stesso fondamento antropologico" ma "la Repubblica conferma la sua natura di grande opportunità democratica. Non è più un conte­nitore esclusivo: l'interdipendenza e la globalità degli eventi che ci riguardano ne hanno modificato funzioni e profilo. La comunità internazionale e la dimensione europea appaiono i luoghi dove sono messi alla prova i valori della nostra convivenza, così come avvenne nel secolo scorso quando tutte le energie, comprese quelle intellet­tuali, si seppero mobilitare contro la barbarie nazifascista. La Re­pubblica è tuttavia l'ambito (e l'istituzione) che consente al nostro popolo di giocare un ruolo da protagonista di fronte ai mutamenti geopolitici, ai flussi migratori, all'instabilità provocata dalle guerre, dalla violenza, dalla povertà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari