martedì 17 gennaio | 04:16
pubblicato il 30/nov/2016 15:13

Mattarella: giovani criminali in carcere sono sconfitta Stato

Non sia luogo dove negare la speranza della riabilitazione

Mattarella: giovani criminali in carcere sono sconfitta Stato

Roma, 30 nov. (askanews) - "L'istituzione carceraria rappresenta per lo Stato una necessità non derogabile, ma alcune volte anche una sconfitta". In questo ultimo caso "diventa anche una sconfitta quando a varcare le porte del carcere è un giovane proveniente da un contesto sociale difficile e segnato da una forte presenza di criminalità. È una sconfitta, perché segnala la carenza del sistema educativo e della vicinanza dello Stato". Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel videomessaggio trasmesso in occasione della proiezione in anteprima nel carcere di Poggioreale a Napoli di "Robinù", il film documentario di Michele Santoro.

Il carcere, ha rilevato il capo dello Stato, è "un luogo di privazione della libertà e, quindi, di disagio, di sofferenza". E' però "una necessità, perché un comportamento gravemente contrario alla legge, che provoca danni e dolore ad altre persone, deve essere necessariamente sanzionato". Il carcere comunque, ha sottolineato Mattarella, "non è - e non deve mai essere - il luogo in cui viene negata la speranza".

Per Mattarella "a nessuno, tanto meno ai giovani, deve essere tolta la possibilità di riabilitarsi, lasciando i sentieri dell'odio e della violenza che non portano felicità, ma producono e moltiplicano solo paura e sofferenza. Ragazzi, anche nella cella di un carcere, nella privazione della libertà, nella lontananza dagli affetti familiari, le istituzioni devono esservi accanto".

La rieducazione, che la nostra Costituzione prescrive, "non è un percorso facile - ha ha affermato il presidente - serve anche il vostro impegno, la vostra tenacia, la forza di resistere. Ma è l'unico percorso che possa garantire davvero, a voi e ai vostri cari, un futuro di serenità, di dignità, di appagamento. Lo Stato, come sta cercando di fare, deve impegnarsi per la sua parte: moltiplicando le occasioni per la formazione, per il reinserimento sociale, sviluppando un sistema di pene alternative. Servono anche, come è naturale, l'attenzione e la partecipazione della società civile, degli intellettuali, degli artisti, dei mezzi di comunicazione. Perché chi esce dal carcere non sia un isolato - ha detto Mattarella - ma torni a sentirsi a pieno titolo cittadino e membro della nostra comunità nazionale. Cambiare vita è possibile, ed è l'unica strada positiva. Io sarò attento alla vostra condizione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello