domenica 04 dicembre | 17:52
pubblicato il 28/giu/2016 09:14

Mattarella: fare in fretta per nuova Europa, serve concretezza

"Italia può essere protagonista, rispondere con contenuti"

Mattarella: fare in fretta per nuova Europa, serve concretezza

Roma, 28 giu. (askanews) - "E' il momento di rispondere con i contenuti" per generare "risposte comuni su economia, immigrazione e sicurezza" e l'Italia è "un Paese che può fare la differenza" in questa delicata fase di transizione dell'Ue. Lo afferma in una intervista alla Stampa il presidente della Repubblica Sergio Mattarella convinto che "possiamo essere noi a portare stabilità, proiettare responsabilità" in Europa".

L'Italia, insomma, può essere protagonista "come ha già dimostrato di saper fare presentando con il Migration Compact e le proposte del ministro Padoan, due documenti che hanno registrato convergenze ed apprezzamento". Quanto alla scelta del Regno Unito di uscire dall'Unione Europea "il voto dell'elettorato, nazionale o di un altro Paese - sottolinea Mattarella - va sempre rispettato, anche quando provoca rammarico e lo si ritiene un errore. Non si può tacere che quel voto cancella quasi mezzo secolo di storia britannica, quello della partecipazione alla Ue e ferisce la completezza dell'Unione". Ora per l'Europa "si apre una stagione molto difficile: vengono meno alibi e abitudini consolidate nella vita dell'Unione. Dal punto di vista italiano dovrà essere l'occasione per superare ritardi e resistenze ormai inaccettabili, recuperando appieno il senso storico dell'integrazione d'Europa e la coesione dell'Unione. L'Europa è un progetto ambizioso e coraggioso, sorretto dall'aspirazione alla pace e al progresso". "Ogni progetto lasciato a metà evidenzia più i difetti che i pregi che possiede. L'edificio è incompiuto. Con tenacia, in questi decenni, ci si è battuti per mettere in comune le cose che potevano unirci. Ora - conclude il Capo dello Stato - dopo la Brexit, all'improvviso la pubblica opinione comprende, con allarme, che il modello di vita che abbiamo sperimentato non è scontato. Può benissimo regredire", "detto in termini disadorni, ciascuno può tornare a ritrovarsi solo di fronte alle prove del futuro. Va detto che i successi del percorso di progressiva integrazione continentale vanno spiegati e difesi giorno per giorno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari