lunedì 05 dicembre | 05:27
pubblicato il 10/nov/2015 15:09

Mattarella e il Papa a una voce: combattere cancro corruzione

Francesco a Prato e presidente in Indonesia: perseguirlo ovunque

Mattarella e il Papa a una voce: combattere cancro corruzione

Roma, 10 nov. (askanews) - Non è la prima volta che intervengono sulla corruzione e che richiamano istituzioni, politici e semplici cittadini a porre un argine a quello che viene definito a ragione come un "cancro" della società. Ma è singolare che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e papa Francesco, distanti migliaia di chilometri l'uno dall'altro - il capo dello Stato in visita di Stato in Indonesia e il Pontefice a Prato - abbiano rilanciato contemporanemente, questa mattina, l'allarme invitando, seppure con accenti diversi, la società ad impegnarsi per sconfiggere questo "male".

Uno (Mattarella) lo chiama "male", l'altro (Francesco) lo definisce un "cancro": di fatto una comunione di termini per uno dei problemi, non solo italiano, del nostro tempo. Una questione mondiale nei confronti della quale però l'Italia sembra comportarsi meglio di altri Paesi, è stata l'opinione del presidente della Repubblica. "Il male c'è ovunque, ho lanciato tante volte l'allarme - ha detto - ma nel nostro Paese è perseguito e scoperto. Cosa - ha aggiunto - che non avviene nel resto del mondo. Da noi non si fa finta di non vedere, si cerca di perseguire la corruzione e questo da' credibilità al nostro Paese".

Il papa ha sostenuto dal canto suo che "la vita di ogni comunità esige che si combattano fino in fondo il cancro della corruzione e il veleno dell'illegalità. San Paolo - ha continuato - invita i cristiani a indossare un'armatura particolare, quella di Dio.Dice infatti di rivestirsi delle virtù necessarie per affrontare i nostri nemici reali, che non sono mai gli altri, ma 'gli spiriti del male'. Al primo posto in quest'armatura ideale compare la verità: 'attorno ai fianchi la verità', scrive l'Apostolo (Ef 6,14). Dobbiamo cingerci di verità".

Secondo Francesco "non si può fondare nulla di buono sulle trame della menzogna e sulla mancanza di trasparenza. Ricercare e scegliere sempre la verità non è facile; è però una decisione vitale, che deve segnare profondamente l'esistenza di ciascuno e anche della società, perché sia più giusta e onesta. La sacralità di ogni essere umano richiede per ognuno rispetto, accoglienza e un lavoro degno; la vita di ogni comunità esige che si combattano fino in fondo il cancro della corruzione e il veleno dell'illegalità. Dentro di noi e insieme agli altri, non stanchiamoci mai di lottare per la verità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari