mercoledì 22 febbraio | 08:06
pubblicato il 20/nov/2015 12:24

Mattarella: cultura antidoto a violenza,intolleranza,oscurantismo

Pericoli nostra convivenza si contrastano rafforzando formazione

Mattarella: cultura antidoto a violenza,intolleranza,oscurantismo

Napoli, 20 nov. (askanews) - La cultura deve essere il veicolo attraverso il quale ci si oppone alla "violenza, frutto dell'intolleranza e dell'oscurantismo". A dirlo il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenuto, fuori programma, alla cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico dell'università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

"Il minuto di silenzio che abbiamo osservato ci ha ricordato, com'è giusto anche se non passa mai nelle nostre menti in questi giorni, a quanto avvenuto nei giorni scorsi a Parigi, ai pericoli che - ha detto Mattarella - vi sono sulla nostra convivenza, ma questo volersi opporre alla violenza, frutto dell'intolleranza e dell'oscurantismo, rafforza - ha aggiunto il capo dello Stato - l'impegno alla formazione culturale, l'impegno a stimolare cultura, a farla crescere, distribuirla e diffonderla", ha concluso Mattarella.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia