sabato 03 dicembre | 11:06
pubblicato il 13/mag/2016 15:48

Mattarella bacchetta Ue su migranti e plaude a militari italiani

Il capo dello Stato a sorpresa in Libano dal contingente della missione Unifil

Mattarella bacchetta Ue su migranti e plaude a militari italiani

Roma, 13 mag. (askanews) - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è recato questa mattina a sorpresa in visita al contingente militare italiano della missione Unifil di stanza a Shama in Libano. Il capo dello Stato, accompagnato dal ministro della Difesa Roberta Pinotti e dal capo di stato maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano, ha colto l'occasione del saluto ai nostri soldati per trattare due questioni che hanno un ovvio respiro internazionale: il tema dei migranti e il ruolo, il significato dei nostri militari all'estero.

Sugli immigrati Mattarella ha tirato ancora una volta le orecchie all'Europa. "Quanto avviene in Siria - è stata la premessa - ha un impatto immediato, oltre che sulla regione, sull'intera unione europea, ad iniziare, ma non solo, dalla questione dei rifugiati. Su questo argomento - ha sottolineato - si è aperto nell'unione un dibattito dai toni talvolta sconsiderati, appartenenti a un passato remoto d'europa e che, invece, qualcuno vorrebbe riproporre, dimenticando le tragedie che ha provocato". Il capo dello Stato ha ribadito che "vanno aiutati anzitutto i paesi dai quali hanno origine i flussi migratori, ma, con grande ragione, vanno sostenuti quei paesi di transito e di asilo maggiormente investiti dal fenomeno, come è il caso del libano".

Persone che scappano da focolai di crisi nei quali, anche se sono lontani dai nostri confini, i militari italiani intervengono nell'ambito di missioni di pace internazionali, ha detto Mattarella, "nella consapevolezza che ogni persona ha dignità da rispettare, che i diritti umani sono indivisibili". Interventi, ha precisato, svolti anche con l'obiettivo di tutelare la nostra sicurezza e quella collettiva.

Insomma un'Italia, viene detto una volta di più, "protagonista nella difesa della pace". I militari italiani, ha ricordato Mattarella, in questi lunghi anni di lavoro nelle missioni hanno ricevuto e continuano a ricevere "l'apprezzamento e la stima" dei paesi partner. Un intervento, quello italiano, caratterizzato da "grande equilibrio e assoluta equidistanza fra le parti", da sensibilità nei confronti della popolazione. Cose che rappresentano "la carta d'identità delle nostre forze armate. E' attraverso questi caratteri - ha sottolineato Mattarella - che emerge l"italianità' dei nostri militari, sinonimo di rispetto, generosità e giustizia" e che possono essere considerati senza dubbio "i migliori ambasciatori del nostro paese, nelle situazioni più difficili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari