domenica 04 dicembre | 09:24
pubblicato il 18/dic/2013 12:00

Maroni: approvato Bilancio, in Lombardia si è fatto vero miracolo

Eliminata start up innovative, più fondi a trasporti

Maroni: approvato Bilancio, in Lombardia si è fatto vero miracolo

Milano, 18 dic. (askanews) - Con l'approvazione del Bilancio 2014, Regione Lombardia ha fatto "un miracolo: nonostante il governo ci abbia tagliato 300 milioni di euro, siamo riusciti non solo a non aumentare le tasse, ma persino a tagliarle". Lo ha affermato il presidente della Regiona Lombardia Roberto Maroni, entrando nel dettaglio dei provvedimenti: "abbiamo eliminato l'Irap per i giovani che aprono delle Start up innovative; abbiamo cancellato il bollo auto per chi nel 2014 rottamerà un diesel inquinante per acquistare un'auto Euro5 o Euro6; abbiamo trovato 54 milioni per azzerare il ticket per gli over 65 con reddito fino a 18.000 euro e questo significa che, dal 2014, circa 800.000 Lombardi andranno in farmacia e non dovranno più pagare ticket per la ricetta dei farmaci". Parlando stamattina in conferenza stampa a Palazzo Pirelli, Maroni ha osservato che "i numeri ci dicono che il Governo a Roma spende di più, visto che spenderà l'1,14 per cento in più nel 2014 per la spesa pubblica, mentre la spesa delle Regioni è stata tagliata del 30 per cento. Questa è una situazione drammatica, che noi denunciamo: questo è un attentato alla vita stessa delle Regioni. L'operazione che hanno in mente a Roma è questa: chiudere le Regioni e attribuire loro tutto il male possibile. La verità è che le Regioni hanno fatto tutti i buchi possibili nella cinghia, mentre lo Stato spende sempre di più e spende più di prima". "Nel welfare e nella sanità investiamo l'1,6 per cento in più rispetto al 2013", ha proseguito Maroni, assicurando che non verrà chiuso alcun ospedale. Sul fronte del lavoro, la legge di Bilancio investe più di 165 milioni per le politiche in favore del lavoro, dell'istruzione e della formazione professionale. Tra le misure anche i "quasi 90 milioni anticipati per la nuova Programmazione comunitaria 2014-2020. Inoltre, grazie al lavoro svolto in Conferenza delle Regioni - ha detto Maroni - siamo riusciti a ottenere altri 400 milioni di euro sui vecchi fondi 2007-2013 sulla Programmazione comunitaria, che si aggiungono ai 40 milioni ottenuti grazie all'applicazione dei costi standard".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari