domenica 04 dicembre | 11:26
pubblicato il 23/nov/2013 16:54

Maro': Vito, vicenda merita attenzione partiti e opinione pubblica

Maro': Vito, vicenda merita attenzione partiti e opinione pubblica

(ASCA) - Roma, 23 nov - ''Ho sentito il dovere personale ed istituzionale di partecipare alla manifestazione di solidarieta' per i maro', organizzata a Roma dalle famiglie, che ho recentemente incontrato alla Camera. La vicenda di Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, da oltre 600 giorni trattenuti ingiustamente in India, merita l'attenzione dell'opinione pubblica e di tutte le forze politiche''. Lo afferma, in una nota, Elio Vito (Fi-Pdl), presidente della Commissione difesa della Camera. ''Sono certo che nei prossimi giorni il Parlamento sapra' esprimersi con un voto unitario all'odg che a nome di tutta la Commissione difesa abbiamo presentato per dare un segnale di unita' nazionale, di vicinanza ai due fucilieri di marina e alle loro famiglie e per impegnare il governo ad assicurare una soluzione che sia onorevole per i due maro' e conforme alle norme del diritto internazionale'', conclude Vito.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari