martedì 06 dicembre | 13:17
pubblicato il 19/feb/2014 11:07

Maro': Casini, giustizia indiana inaffidabile ma errori italiani enormi

Maro': Casini, giustizia indiana inaffidabile ma errori italiani enormi

(ASCA) - Roma, 19 feb 2014 - ''Adesso per noi bisogna internazionalizzare il contenzioso. Non e' possibile affidare la sorte dei nostri maro' ai tribunali indiani. Sono due anni che non hanno un capo di imputazione, addirittura ieri la Corte suprema ha chiesto al Governo quale legge applicare, cose inverosimili. In uno stato di diritto, il potere gudiziario deve decidere in piena autonomia, e non chiedere al potere esecutivo che decisioni prendere. Siamo nella piu' totale inaffidabilita', non ci fidiamo piu' della giustizia indiana. Sbattere i pugni, mostrare i muscoli in politica estera sono frasi senza senso. Noi saremo decisi nella nostra coerenza, facednos eguire i fatti alle parole. Abbiamo tollerato troppo una situazione intollerabile''. E' quanto dichiara Pier Ferdinando Casini, leader Udc e presidente della Commissione Affari Esteri del Senato, a ''Prima di tutto'' su Radio1.

''Credo che la dura campagna elettorale in India abbia giocato un ruolo importante nel contribuire ad aumentare il caos nella vicenda maro'. Si sono impegnati in una rincorsa al nazionalismo, strumentalizzando i maro' per biechi scopi elettoralistici. Il fatto poi che ci sia una persona molto impegnata nella politica indiana, come Sonia Gandhi, di nascita italiana, contribuisce ad accrescere i nostri problemi. E una vicenda pazzesca - aggiunge Casini - comunque inammissibile, fra Stati che partecipano all'Onu, alle missioni internazionali contro il terrorismo questi equivoci non possono nascere. Sulle nostre responsabilita' come governo, compieremo una indagine seria dopo che i due maro' saranno tornati a casa.

Un cosa e' certa: nelle prime 72 ore sono stati commessi errori enormi; dopo, si e' e' cercato di rimediare, ma nelle prime 72 ore si e' fatta, drammaticamente, una frittata. Non ci sara' il rischio di una condanna a morte, e' stata ancora volta decisamente esclusa. Ma gia' il fatto che gli indiani per settimane abbiano fatto agitare lo spettro di questa ipotesi, dimostra chiaramente il degrado della poltica indiana e la strumentalizzazione che si e' fatta sulla pelle dei maro''. ''L'India ci sta trattando con zero rispetto. L'India e' un grande Paese, che aspira ad ottenere un seggio nel Consiglio di Sicurezza dell'Onu, ma la gestione di questa vicenda nuocera' molto di piu' a loro, sul piano internazionale, che all'Italia, che sta ottenendo attestati di solidarieta' nel consesso europeo e anche all'Onu, nella comunita' internazionale, dove ci si sta rendendo contro che questa e' una vicenda che coinvolge tutti, non solo Italia e India'', conclude Casini.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Ricerca, scoperta una pianta erbacea che va in letargo per stress
Scienza e Innovazione
Pakistan, sta morendo avvelenato il più grande lago del paese
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni