domenica 22 gennaio | 10:07
pubblicato il 13/gen/2014 15:04

Maro': Angelilli-Pittella, da Ue non blande assicurazioni ma fermezza

Maro': Angelilli-Pittella, da Ue non blande assicurazioni ma fermezza

(ASCA) - Roma, 13 gen 2014 - ''Non bastano le blande rassicurazioni giunte questa mattina dal portavoce dell'Alto Rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Catherine Ashton, sul caso dei nostri maro'. La Commissione europea deve assumere una posizione di fermezza. Per questo motivo abbiamo inviato una lettera al Presidente della Commissione europea, Jose' Manuel Barroso, e all'Alto Rappresentante affinche' si attivino per far si' che giunga tutto il sostegno possibile all'Italia in questa incresciosa e inaccettabile vicenda''. Lo rendono noto attraverso un comunicato i vicepresidenti dell'Europarlamento Roberta Angelilli e Gianni Pittella. ''Chiediamo un intervento netto e concreto. L'Europa - proseguono - non puo' restare a guardare: non si tratta solo di una vicenda bilaterale tra due Stati, ma sono in gioco il ruolo della diplomazia europea, i principi consuetudinari del diritto internazionale ma soprattutto il rispetto dei diritti umani fondamentali''. ''Infatti - proseguono - non puo' non suscitare indignazione presso le Istituzioni europee l'ipotesi da parte del Governo indiano di prendere in considerazione una condanna a morte per i due fucilieri della marina italiana. Ipotesi riaffacciatasi incredibilmente in questi giorni dopo accordi e promesse al Governo italiano che sembravano averla assolutamente esclusa. L'Unione europea ha ricevuto il premio Nobel per la pace anche in virtu' del suo continuo e costante impegno contro la pena capitale''.

La Commissione europea e l'Alto Rappresentante, spiegano Angelilli e Pittella, ''devono fare tutto cio' che e' in loro potere al fine di sostenere il Governo italiano in questa complicata disputa internazionale e in particolare verificare passo dopo passo la legittimita' delle azioni e delle procedure che l'India ha intrapreso o che intende intraprendere, con l'obiettivo primario di far rispettare i legittimi diritti dei due maro', scongiurare l'ipotesi di condanna a morte e avvalersi di ogni strumento giuridico, politico e diplomatico a disposizione dell'Unione europea per consentire a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone di poter essere giudicati da un tribunale italiano'', concludono Angelilli e Pittella.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4