domenica 26 febbraio | 16:02
pubblicato il 30/ott/2015 19:06

Marino: Si può uccidere una squadra ma non fermare le idee

Credo che il segno che lasciamo sia profondo

Marino: Si può uccidere una squadra ma non fermare le idee

Roma, (askanews) - "La nostra azione di governo finisce oggi, ma credo che il segno che lasciamo sia un segno profondo. Spero che non si torni indietro: non è in gioco Ignazio Marino, è in gioco il futuro di Roma. Si può uccidere una squadra ma non si possono fermare le idee". Così Ignazio Marino nella conferenza dopo le dimissioni in massa di 26 dei Consiglieri del Consiglio Comunale per far cadere la giunta della capitale.

Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech