sabato 10 dicembre | 11:56
pubblicato il 30/ott/2015 19:06

Marino: Si può uccidere una squadra ma non fermare le idee

Credo che il segno che lasciamo sia profondo

Marino: Si può uccidere una squadra ma non fermare le idee

Roma, (askanews) - "La nostra azione di governo finisce oggi, ma credo che il segno che lasciamo sia un segno profondo. Spero che non si torni indietro: non è in gioco Ignazio Marino, è in gioco il futuro di Roma. Si può uccidere una squadra ma non si possono fermare le idee". Così Ignazio Marino nella conferenza dopo le dimissioni in massa di 26 dei Consiglieri del Consiglio Comunale per far cadere la giunta della capitale.

Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina