martedì 28 febbraio | 04:18
pubblicato il 19/set/2014 15:44

Marcucci: su jobs act non serve dibattito da cineforum

In Senato si puo' arrivare a primo via libera entro 8 ottobre (ASCA) - Roma, 19 set 2014 - "Il jobs act non e' una sfida all'OK Corral sull'articolo 18, all'Italia non serve un dibattito da cineforum su cosa sia di sinistra e cosa di destra. Con una disoccupazione al 12,6%, cambiare le regole del mercato e' una priorita'. In Europa, sono stati i riformisti ad aumentare le tutele, ad introdurre maggiore flessibilita', e a semplificare le tipologie dei contratti. La legge delega del governo Renzi ha queste caratteristiche". Lo afferma il senatore del Pd Andrea Marcucci, presidente della commissione Cultura a Palazzo Madama.

"Il Pd segue un metodo - sottolinea l'esponente dem - sottopone il testo ai propri gruppi parlamentare ed il confronto nella direzione del partito. E' naturale valutare ed accogliere modifiche, e' inammissibile praticare uno sterile ostruzionismo.

In Senato possiamo arrivare al primo via libera entro l'8 ottobre", conclude Marcucci.

Pol/Gal

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech