lunedì 05 dicembre | 16:03
pubblicato il 07/dic/2011 18:00

Manovra/Pd-Terzo Polo-Pdl d'accordo ad attenuare Imu e pensioni

Ora si studia con il Governo la copertura alternativa

Manovra/Pd-Terzo Polo-Pdl d'accordo ad attenuare Imu e pensioni

Roma, 7 dic. (askanews) - Pensioni e Imu per la prima casa: sono questi i 'dossier' su cui stanno lavorano attraverso contatti bilaterali i dirigenti di Pd, Terzo polo e Pdl per provare ad ottenere delle correzioni della manovra senza infilarsi in una giungla di emendamenti. Dalla commissione Lavoro di Montecitorio è già arrivato un parere favorevole ad includere anche le pensioni pari a tre volte il minimo tra quelle escluse dal blocco dell'indicizzazione. I dirigenti dei partiti che sostengono il Governo stanno anche studiando una proposta per attenuare l'impatto dell'Imu sulla prima casa: si ragiona sull' aumento della franchigia di 200 euro attualmente previsti e c'è chi propone anche di introdurre dei meccanismi che leghino l'uso della franchigia anche al valore della casa, in modo da escludere le case di lusso e di riservare lo sconto solo agli immobili delle fasce di reddito medio-basso. Il tutto, in continuo raccordo con il Governo, in particolare attraverso il ministro per i Rapporti con il Parlamento Pietro Giarda. Tutti e tre i partiti, infatti, sanno bene che è meglio gestire le richieste di modifica con una regia, affidata all'Esecutivo, che permetta di evitare anche l'emergere di divisioni interne, soprattutto in Pdl e Pd. Inoltre, c'è il problema delle coperture: si sta ragionando in che modo garantire la copertura per le modifiche previste. Per quanto riguarda le pensioni, il Pd chiede l'aumento dell'aliquota dell'1,5% per i capitali rientrati con lo scudo, mentre il Pdl preferirebbe ricorrere alle dismissioni del patrimonio pubblico. Problema che esiste anche per l'Imu, anche se in questo caso non si può pensare di usare i capitali scudati: per coprire una mancata entrata strutturale servono infatti coperture che abbiano carattere ugualmente strutturale, e la tassa sui capitali scudati è un' 'una tantum': l'idea di escludere le case di lusso dalla franchigia potrebbe, almeno parzialmente, andare incontro a questa esigenza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari