mercoledì 07 dicembre | 21:29
pubblicato il 06/dic/2011 17:43

Manovra/Di Pietro:No a fiducia senza frequenze e tagli militari

Inaccettabili sacrifici durissimi con alcune evidenti eccezioni

Manovra/Di Pietro:No a fiducia senza frequenze e tagli militari

Roma, 6 dic. (askanews) - Italia dei Valori non voterà la fiducia al Governo Monti se sarà posta sulla manovra, se non sarà possibile introdurvi in Parlamento la vendita all'asta delle frequenze tv del digitale e tagli consistenti alle spese militari, riducendo la portata dell'intervento sulle pensioni. Lo ha annunciato Antonio Di Pietro, sottolineando che "l'alternativa c'è e i soldi si possono trovare senza far piangere i pensionati e tanti altri cittadini già in grande difficoltà". E "se non lo si fa non è per colpa dei conti". Ovvero "per una scelta politica che noi non possiamo approvare e - conseguentemente - per una fiducia che a queste condizioni non vogliamo dare". "Questa manovra - ha sottolineato Di Pietro sul proprio blog- è durissima, lo dicono per primi quelli che l'hanno decisa. Però, ci fanno sapere, bisogna approvarla per forza perché non c'è alternativa. Facciamo a capirci. Se si intende che al risanamento dei conti pubblici non c'è alternativa noi siamo d'accordo. Non perché ce lo dice la Bce ma perché gli interessi sul debito pubblico ci stanno strozzando. Ma se invece s'intende che non ci sono alternative a queste misure noi dell'Italia dei Valori rispondiamo che non è vero e che i soldi che servono possono essere presi in altri modi". "Faccio solo - ha detto ancora Di Pietro- due esempi che secondo me sono i più scandalosi di tutti. Quest'anno, mentre chiediamo alla gente di andare in pensione non qualche mese ma molti anni più tardi, prevediamo una spesa militare di oltre 20 miliardi. Non solo non c'è un euro in meno rispetto all'anno scorso ma ci sta pure qualche miliardo in più. Per il 2012 abbiamo previsto un finanziamento di 783 milioni per costruire quattro sommergibili e due fregate. Abbiamo in programma l'acquisto di 131 aerei F35/JSF, che ci costeranno 18 miliardi di euro solo come spesa base. A cosa ci servono tutte queste armi e perché, in un momento di crisi, sono più importanti dell'assistenza ai malati e ai bambini o delle pensioni di chi ha lavorato tutta la vita?. Secondo esempio: le frequenze televisive erano gratuite quando il padrone di Mediaset era presidente del consiglio e lo sono rimaste, nonostante l'emergenza, anche adesso che se ne è andato. Fare cassa a spese dei poveracci sì, ma un'asta per far pagare i diritti televisivi, che per Mediaset sono gratuiti, no. E sì che qualche soldino sarebbe entrato! In Germania l'asta ha portato allo Stato 4,4 miliardi di euro, negli Usa 20 miliardi di dollari". "Non è per pensare male - ha concluso il leader IdV - ma non vorrei che questa distrazione non fosse casuale e rispondesse invece a un patto con Berlusconi: io vi faccio fare il governo e voi mi continuate a regalare le frequenze. Tanto poi ci sono sempre i pensionati da spremere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Renzi: governo istituzionale ma largo, sennò non temo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni