lunedì 05 dicembre | 10:22
pubblicato il 17/ago/2011 09:02

Manovra/Capigruppo Pdl:Aperti a dibattito e ipotesi migliorative

"Il provvedimento ha chiesto di più a chi ha di più"

Manovra/Capigruppo Pdl:Aperti a dibattito e ipotesi migliorative

Roma, 17 ago. (askanews) - Dalle pagine del Corriere della Sera i capigruppo del Pdl hanno deciso di intervenire nel dibattito politico per spiegare a chiare lettere i contenuti della manovra economica che approderà alle Camere nelle prossime settimane. Attraverso una missiva inviata al quotidiano, Maurizio Gasparri, Fabrizio Cicchitto, Gaetano Quagliariello e Massimo Corsaro, hanno ribadito: "Come responsabili della principale forza politica della maggioranza siamo aperti al dibattito ed a ipotesi migliorative che dovessero emergere in Parlamento, da qualunque parte esse provengano". Tenendo però sempre in considerazione "due punti fermi sui quali non siamo disposti a negoziare: la manovra non può essere stravolta nei suoi equilibri interni, anche per non offrire al contesto internazionale che l'ha apprezzata una sensazione di schizzofrenia; ed i miglioramenti non possono arrivare a discapito della celerità dell'approvazione". Nella lettera al 'Corriere della Sera', i quattro capigruppo hanno voluto sottolineare come nella stesura del provvedimento sia stata "privilegiata quella pace sociale che in questi anni il nostro Paese ha saputo mantenere". Questo anche perchè "La manovra ha chiesto di più a chi ha di più". Parlando nello specifico dei punti principali del provvedimento, i capigruppo hanno sottolineato come la manovra stessa sia "Una grande opportunità sul terreno della riforma liberale: in particolare per quanto riguarda le privatizzazioni e le previste liberalizzazioni, soprattutto nei servizi pubblici locali". Sui costi della politica, inoltre, "si fa sul serio, abolendo un numero cospicuo di poltrone, secondo criteri strutturali". Per i capigruppo, altro passaggio fondamentale della manovra è "il decentramento aziendale della contrattazione sindacale che concede al nostro sistema di relazioni industriali una flessibilità in passato tante volte ricercata, una leva per rivoluzionare il nostro Mezzogiorno". Una manovra che, hanno voluto ricordare gli esponenti del Pdl nella loro missiva, "scaturisce da una situazione d'emergenza, testimoniata dalla sua ampiezza. Ciò aiuta a comprendere come mani abbia inevitabilmente suscitato critiche e dissensi". Ammettendo di aver creduto di avere "più tempo a disposizione", Cicchitto, Gasparri, Quagliariello e Corsaro hanno voluto ricordare "le ragioni per cui questo provvedimento si è reso necessario". Inanzitutto "una crisi economico-finanziaria senza precedenti in grado di scardinare egemonie consolidate e far intravedere scenari geopolitici inediti". Una crisi "destabilizzante per l'Europa" cui vanno aggiunti "problemi storici del nostro Paese che ne minano la solidità". Anche per questo è necessario che la manovra "sia efficace per rispondere alle richieste delle istituzioni comunitarie". Risultato ottenuto perchè "L'Europa ed i leader internazionali si sono congratulati con noi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari