lunedì 16 gennaio | 16:33
pubblicato il 24/ago/2011 21:17

Manovra/Alfano: Modifiche? C'è Lega,non siamo su isola deserta

Sfida Bossi su Province,ma 'cede' pensioni.Domenica idee premier

Manovra/Alfano: Modifiche? C'è Lega,non siamo su isola deserta

Roma, 24 ago. (askanews) - "Per quanto mi riguarda sono qui senza vincoli orari, possiamo restare riuniti a discutere fino a domattina...". Il segretario del Pdl Angelino Alfano apre così la riunione al Senato con i direttivi dei gruppi del Pdl. Uno stimolo al dibattito, un invito rivolto a tutti i deputati a inviare proposte ed idee per emendare la manovra. Sarà il segretario in persona a fare da snodo con Palazzo Madama, visto che le modifiche saranno apportate solo al Senato, in prima lettura. Il segretario chiede il confronto e il dibattito, arriva nella sala di Palazzo Madama dopo un'intensa giornata di incontri e contatti con i big del partito durante i quali ha già messo a punto la linea politica da presentare ai parlamentari. Accetta di ascoltare tutti e si rivolge neanche tanto implicitamente ai frondisti quando dice, mandando un segnale: "Tutte le proposte giunte in questi ultimi giorni non sono nuove, erano già state vagliate prima di varare il decreto, nulla è nuovo. Si era deciso di non inserirle nel primo testo". Come a dire, nessuno ha in tasca la verità e bisogna fare i conti con la realtà e le difficoltà del momento. A "saldi invariati" si può ragionare di tutto, fermo restando che il ministro Tremonti "si è mosso tra paletti molto stretti". La manovra comunque "non è il Vangelo" ed è "emendabile". Non però toccando le pensioni, anche se al diktat leghista Alfano e Cicchitto rispondono con una proposta che non sarà gradita dai padani: aboliamo tutte le Province. Per il resto, è possibile "ragionare" del contributo di solidarietà, dice, senza spiegare se la strada possa essere quella di alzare la soglia di reddito o addirittura di cancellare la nuova norma. Bisogna fare i conti con la realtà, insiste il segretario, perché "se fossi su un'isola deserta e potessi essere l'unico legislatore" allora tutto sarebbe più semplice, ma "siamo all'interno di una coalizione". Soddisfatto Alfano lo è soprattutto per un Pdl che discute e si confronta, "siamo in 98 il 24 agosto", ottimo esempio di partecipazione di "un partito che si confronta con la Lega e talvolta anche con il governo". Anche Berlusconi, annuncia Alfano, "è orgoglioso" e entro domenica annuncerà le proprie proposte migliorative a un decreto che resta comunque "inevitabile". Sono quasi le 21, per il segretario arriva il momento dell'ascolto dei gruppi parlamentari e dei frondisti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow