domenica 04 dicembre | 21:35
pubblicato il 13/lug/2011 05:10

Manovra/Al Senato via libera giovedì. Pd:ok ma governo se ne vada

Incontro con Tremonti suggella l'intesa

Manovra/Al Senato via libera giovedì. Pd:ok ma governo se ne vada

Roma, 13 lug. (askanews) - Il via libera del Senato alla manovra è previsto entro le 14 di domani, giovedì. Qualora il Governo dovesse far ricorso al voto di fiducia, si rinuncerà alla discussione generale sul provvedimento. Sono i tempi di approvazione discussi ieri sera nel corso del vertice dal presidente del Senato, Renato Schifani, con i ministri Giulio Tremonti, Roberto Calderoli e i capigruppo di maggioranza e opposizione a Palazzo Madama. Le opposizioni confermano così la linea della "responsabilità" chiesta dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano dando il via libera ad un esame lampo sia al Senato che alla Camera dove il testo, che serve a garantire il pareggio di bilancio entro il 2014, verrà licenziato entro venerdì. Ma resta il voto contrario e soprattutto la richiesta, ripetuta a più riprese dal Pd, di dimissioni del governo. L'incontro tra i rappresentanti delle opposizioni e Giulio Tremonti a palazzo Madama ha suggellato l'intesa, con da una parte il titolare di via XX settembre che ha ringraziato Pd, Idv e Terzo polo per l'atteggiamento tenuto e dall'altra le opposizioni che hanno potuto esprimere soddisfazione perchè con l'ok ad alcune loro modifiche la manovra sarà "meno ingiusta". La linea della responsabilità chiesta dal Colle non può far dimenticare che la debolezza dell'esecutivo guidato da Silvio Berlusconi richiederebbe un altro governo secondo il leader del Pd, Pier Luigi Bersani: "noi facciamo la nostra parte ma Berlusconi non è un elemento di fiducia nè per l'Italia nè per il contesto internazionale". Hanno ripreso a circolare in queste ore anche voci di possibili governi tecnici o di transizione, ma probabilmente si tratta più che altro di auspici, segnali reali in questo senso dalla maggioranza al momento non se ne vedono. Intanto, ufficialmente Giorgio Napolitano si è limitato a far trapelare il suo "vivo apprezzamento" per l'accelerazione dell'iter parlamentare, ma resta la vigile attenzione del presidente della Repubblica in queste ore segnate dall'instabilità dei mercati finanziari: a partire dal suo appello di ieri a "un impegno di coesione nazionale". Ieri sono stati numerosi gli appelli al senso di responsabilità. Anche da Silvio Berlusconi che ha spezzato il silenzio mantenuto dopo la condanna a risarcire la Cir con una nota. "Dobbiamo essere uniti, coesi nell'interesse comune, consapevoli che agli sforzi e ai sacrifici di breve periodo corrisponderanno guadagni permanenti e sicuri. Questa deve essere oggi la nostra risorsa fondamentale". L'intervento di correzione messo in atto con la manovra, ha detto il premier, è "efficace e credibile", i suoi contenuti saranno "rafforzati", ma ora "occorre anche operare per rimuovere gli ostacoli che frenano la crescita della nostra economia", ha aggiunto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari