sabato 25 febbraio | 20:02
pubblicato il 30/ago/2011 05:10

Manovra/ Veti incrociati e ira Berlusconi:braccio ferro ad Arcore

Confronto serrato vertice maggioranza. Tremonti resiste per 3 ore

Manovra/ Veti incrociati e ira Berlusconi:braccio ferro ad Arcore

Roma, 30 ago. (askanews) - L'aperitivo è andato di traverso a Silvio Berlusconi, almeno quanto a Giulio Tremonti e Roberto Maroni. Sono servite oltre due ore di "confronto serrato", secondo la formula diplomatica di uno dei partecipanti, di grida e faccia a faccia travestiti da scontri - secondo la versione anonima di un altro dei presenti - per iniziare a mettere mano al decreto. Dopo pranzo, infatti, i veti incrociati si sono leggermente ammorbiditi e dopo sette ore, sette lunghissime ore di braccio di ferro, si è deciso di fissare alcuni punti fermi, in attesa di capire cosa accadrà in Parlamento e quanto il clima dei mercati e nel Paese influenzerà le prossime decisioni. Hanno pesato soprattutto i veti: quello del Cavaliere sul contributo di solidarietà, dei leghisti sui Comuni, di Tremonti sull'Iva e sull'invarianza dei saldi. Ne è uscita fuori una manovra modificata in alcuni aspetti essenziali. Il premier, di buon mattino, ha spiegato l'impossibilità di mettere le tasche mnelle mani degli italiani: "L'avevo promesso, non possiamo farlo". Duro il confronto con il ministro dell'Economia - raccontano sia volate parole grosse tra i due - rigido e deciso a non consentire l'aumento dell'Iva per 'pagare' l'abolizione del contributo. Scontro durissimo, raccontano, quello tra Berlusconi e Tremonti, così come dure sarebbero state le parole pronunciate da Roberto Maroni, convinto che con la riduzione di soli due miliardi dei tagli ai Comuni avrebbero provocato l'ira dell'Anci. In cambio, certo, la Lega ottiene lo slittamento dell'abolizione delle Province: se è vero infatti che un consiglio dei ministri giovedì o venerdì potrebbe legiferare sull'abolizione delle Province e il dimezzamento dei parlamentari (ma non è ancora certo), è altrettanto vero che il percorso di una legge costituzionale risulta lungo e impervio, soprattutto nel caso di una legislatura incerta come l'attuale. Insomma, sarà il Parlamento e soprattutto il governo a stabilire quanto cambierà la manovra. E se i Responsabili si batteranno - come fatto ieri ad Arcore da Silvano Moffa - per mantenere le novità in tema di previdenza, i gruppi parlamentari di maggioranza si riuniranno mercoledì prossimo per studiare la strategia d'Aula. Dal fronte Pdl i frondisti, intanto, ostentano cauta soddisfazione e assicurano che il summit ha recepito gli emendamenti che prevedono la riduzione del 25% degli organici della P.A e la vendita del patrimonio statale. Misure che, se confermate, avrebbero un grande impatto. Ma di cui a sera, nei punti stilati dai leader in Brianza, non c'è traccia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech