lunedì 05 dicembre | 17:40
pubblicato il 26/ago/2011 08:46

Manovra/ Veltroni: Il riformismo può salvare l'Italia

"Bisogna proporre al paese una autentica rivoluzione democratica"

Manovra/ Veltroni: Il riformismo può salvare l'Italia

Roma, 26 ago. (askanews) - "Un patto nazionale per ridare al nostro paese, stanco e sfiduciato, il desiderio di ricominciare ad investire, a creare, a crescere". Nè è convinto il leader del Pd Walter Veltroni che, in una lettera al quotidiano 'La Repubblica', ha individuato la "necessità di proporre al paese una autentica rivoluzione democratica. Il cui primo passo è la riduzione del macigno del debito pubblico". "Il riformismo - ha spiegato - è , ai miei occhi, il bisogno assoluto di questo tempo di caos" in un momento "il mondo cambia, mutano modi di pensare e di agire, ma la politica arranca". In questo scenario "un governo autorevole, il che esclude Berlusconi, avrebbe il dovere di proporsi di portare all'ottanta per cento il debito entro il 2020". Questo anche attraverso una patrimoniale di tre anni da parte dei più ricchi, un nuovo patto del lavoro che giustizi la precarietà e elevi la produttività, ed una riforma fiscale che contrasti l'evasione in un contesto di "pagare meno, pagare tutti". E poi "La rinuncia all'idea che lo Stato debba fare tutto e la fiducia nelle risorse sociali diffuse da attivare in un contesto di sussidiarietà, la fine della occupazione partitica della Rai e delle aziende locali, l'una affidata a meccanismi tipo Bankitalia e le altre ad un mercato regolato e orientato a valorizzare forze produttive innovative". Altri passi decisivi sono "Il dimezzamento da subito dei parlamentari e un sistema elettorale bipolare e uninominale , lo snellimento radicale di tutta la diffusa 'professionalizzazione' della politica". Ma è lunga la lista delle priorità individuate da Veltroni, che ha chiesto: "La fine delle scandalose retribuzioni e liquidazioni di manager pubblici e privati, la lotta contro ogni forma di corruzione e contro quei poteri criminali che irrompono tra le maglie di una crisi economica forte e di uno Stato debole". Altro punto focale la giustizia, che deve essere "più rapida" e con "meno carcere". E ancora "diritto di voto agli immigrati per le amministrative, norme di sostegno al lavoro delle donne e alle politiche familiari. Scelta netta per gli Stati Uniti d'Europa e l'elezione diretta del loro Presidente , più forti politiche comuni di difesa e di bilancio, a cominciare dagli eurobond. Diritti dei gay , a cominciare dalle unioni civili, e scelta netta per le energie rinnovabili, defiscalizzazione dei contributi privati per ricerca e cultura e investimento pubblico forte e selettivo su scuola e università. E poi - ha concluso - individuazione delle dieci opere strutturali fondamentali per il paese e affidamento del potere di realizzazione a persone oneste e stimate che possano definire tempi certi e regole per la loro realizzazione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari