lunedì 23 gennaio | 10:21
pubblicato il 14/dic/2011 19:09

Manovra/ Torna Lega di lotta,contesta Monti e abbandona Copasir

Bricolo: "Stamattina abbiamo alzato la voce e lo rifaremo"

Manovra/ Torna Lega di lotta,contesta Monti e abbandona Copasir

Roma, 14 dic. (askanews) - Mancano i cappi e i forconi in Aula, ma per il resto la lega di lotta è tornata. Archiviata la parentesi di governo, spezzato l'asse del Nord con Silvio Berlusconi, il Carroccio ha rispolverato i vecchi cavalli di battaglia, dall'indipendenza padana a Roma Ladrona, al Nord che deve pagare i conti di tutti e che s'è stufato di mantenere il resto d'Italia. Che la musica stesse cambiando era stato avvertito già ieri, con la condotta a dir poco irrequieta dei deputati del Carroccio in commissione alla Camera durante l'audizione delò presidente del Consiglio sulla manovra, ma stamattina al Senato è arrivata la conferma. I senatori leghisti, infatti, hanno contestato talmente forte Mario Monti da costringere il presidente del Senato, Renato Schifani (mandato senza giri di parola "a cagare" dal senatore Enrico Montani, che per questo s'è becato una censura dalla presidenza) a sospendere la seduta. Cartelli con la scritta "meno tasse" e "manovra rapina" sono stati sollevati in Aula durante l'intervento del premier, cori che ritmavano "vergogna vergogna" e dichiarazioni al fulmicotone sulla contiguità del governo Monti con quello Propdi, gridate più che esposte in Aula sono stati gli strumenti parlamentari usati stamattina dal Carroccio, rivendicati in pieno dal capogruppo Federico Bricolo. "Abbiamo alzato la voce - ha detto al termine della seduta - e non mancheranno altre occasioni per farlo". Non solo: anche a Montecitorio i leghisti intervengono a raffica su tutto, hanno rispolverato i comunicati firmati con le cariche padane e, soprattutto, considerandosi al momento unica opposizione, rivendicano tutte quelle che sono le prerigative di minoranza. (I parlamentari Idv che adesso contestano le azioni Monti hanno comunque votato la fiducia al governo quando si presentò alle Camere, atto che per prassi segna l'ingresso in maggioranza). Per questo, oggi pomeriggio i capigruppo della Lega di Camera e Senato, Marco Reguzzoni e Federico Bricolo, hanno annunciato che il Carroccio "non parteciperà più ai lavori del Copasir finché non saranno ripristinate le regole della democrazia". Ciò che la Lega rivendica, infatti, è la presidenza del comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti, che per legge spetta all'opposizione. La questione, vale la pena di ricordare, è all'attenzione dei presidenti delle Camere, perchè, a rigore di logica, l'attuale presidente, Massimo D'Alema, eletto in quota Pd a inizio legislatura, quando i democratici erano opposizione, al momento è esponente di maggioranza, in quanto anche lui, alla Camera, ha votato la fiducia al governo Monti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4